Ultime Notizie

Il sonnambulismo? Questione di geni

Il sonnambulismo è tanto imbarazzante quanto pericoloso, e questo tutti quelli che ne soffrono lo sapranno. Ci si alza e si cammina un po’ mentre, tecnicamente, si dorme ancora. Talvolta la passeggiata notturna può avvenire intorno al tavolo – in modo non troppo rischioso – a volte si esce nel pianerottolo o altre, fenomeno più raro, proprio fuori di casa negli isolati vicini – ed è qui che le cose si fanno azzardate. È abbastanza inquietante, per chi li incontra, dato che sono veri sia il detto che vuole che non vengano svegliati – potrebbero spaventarsi e diventare aggressivi – ma riportati a letto dolcemente, sia quello che abbiano gli occhi aperti.


Ma cosa c’è alla base di questo fenomeno?
Stress, cibi speziati e stanchezza possono esserne alla base, ma non è solo questo. A Montreal, in Canada, il “Centro per la Ricerca Avanzata sulla Medicina del Sonno” ha svelato l’arcano, tramite un’indagine condotta su duemila bambini d’età compresa tra uno e tredici anni. Sia il sonnambulismo che la tendenza a fare brutti incubi la notte sono tratti che si ereditano da mamma e papà: se uno dei due ne soffre sono tre volte più marcate le probabilità che il figlio ne soffra.


È importante, in questi casi, evitare di far arrivare i bambini a letto troppo stanchi e stressati e favorire rituali di rilassamento prima del sonno, come suggerisce Hansa Bhargava, specialista pediatrica dell’Atlanta Healthcare.


(13 maggio 2015)


Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.