Ultime Notizie

Milano Moda Uomo 2016: tutte le novità primavera-estate viste in passerella

Versatile, poliedrico, viaggiatore, l'uomo P/E 2016 si lascia guidare dall'intuizione superando i retaggi stilistici di ispirazione '70 della scorsa stagione calda per vestire un'eleganza semplice e originale, dal sapore speziato e il fascino medio-orientale. La varietà della realtà viene colta nella sua essenza più fine e composita, così la moda maschile diviene ancora più eclettica, con accostamenti inconsueti dai mix materici azzardati, scongiurando il rischio di appiattire nel conformismo.


Lo sa bene Gucci, che alla camicia elegante, in seta con decori floreali cinesi, o in pizzo, abbina bermuda e scarpe sportive, e ai pantaloni a zampa hippie style accompagna trench essenziali, anch'essi con ricami che attingono al mondo dei fiori. Ed è ispirata alla terra del Sol Levante anche la prossima collezione firmata Dolce e Gabbana, che con perspicacia visionaria fondono le tradizioni della Sicilia ed il folklore delle antiche dimore cinesi, lasciandosi ispirare da un'antica reggia borbonica, meglio conosciuta col nome di Casina Cinese, per adornare i loro capi con draghi, agrumi, pupi e pagode.


Le stampe contemporanee dai motivi briosi sono il fil rouge che collega passato e presente per Prada che, con una creatività rivisitata secondo le influenze dei social, propone uno stile che attinge dalla tecnologia e combina reale e virtuale. Cappotti sporty da commesso viaggiatore accompagnano pantaloni corti dal taglio netto; tessuti tecnici fanno da contrasto ad altri più fluidi; stivaletti in pelle e stringati a scarpe da tennis in tessuto. Pattern ironici riproducono conigli, bocche serrate e finti pitoni a righe, e animano tinte placide che richiamano i colori caldi e freddi della terra (terracotta, ocra, rosso, giallo, blu, grigio, verde acqua). L'eleganza contemporanea, insomma, parla un nuovo linguaggio, che declina lo stile secondo la frenesia caotica e intrattenitrice del web. Più cauto e rilassato, d'altro canto, lo stile di Missoni, che risente di influenze indie e reinterpreta il suo motivo simbolo secondo il Madras, con grafie nuove, più irregolari ma sempre multicolore. I materiali son eco, sia per l'abbigliamento, con ampio uso del lino, crêpes di cotone, lane estive, e cotoni immersi in indaco naturale, che per gli accessori, come i sandali intrecciati. Le sneakers, realizzate in collaborazione con Converse, sono in maglia. Molto chic i bagagli artigianali stile retrò prodotti da Globe-Trotter per la Maison.


Fibre naturali anche per Ermanno Scervino che punta su canapa, carta, juta, e linone invecchiato, per creare look casual chic dalla silhouette innovativa e i ricami preziosi (intarsi floreali, fili di paillettes). Le giacche uniforme si trasformano in piumini, mostrando geometrie destrutturate e pattern iconici (macro pied-de-poule e camouflage). Il rigore delle suggestioni militari viene smorzato dalla leggerezza di tessuti come i jacquard, il denim e i goffrati, agghindati con spille, foulard, cravatte e dettagli in macramé. Salvatore Ferragamo sceglie l'etnico e porta l'uomo P/E 2016 in viaggio verso l'Africa, con fantasie che richiamano la natura come i cactus e le scimmie, e ricami in rafia. I completi prediligono il gessato, mentre i capi atletici, come le felpe, sono realizzati in neoprene con motivi di lettering.




Linee rigide e attitudine sporty chic caratterizzano invece le collezioni di Jil Sander, Giorgio Armani e Calvin Klein, che puntano all'essenzialità e alla mascolinità, disegnando un perfetto equilibrio tra formale e informale. La giacca da completo è ora coordinata con bermuda e t-shirt, in luogo di bluse e camice. Tasche e lacci di velcro rendono più dinamici i jeans e i pantaloni, da portare con il risvolto alto.


Urbano e dallo charme esotico è l'uomo di Emporio Armani, che guarda anch'esso oltre confine, in oriente, e gioca coi volumi scegliendo uno stile fusion, pulito e metropolitano.Meno cittadino e più esploratore è l'uomo di Dsquared² che, libero e prestante, sceglie il mare come suo ambiente naturale, sfoggiando look da surfista con tute di tulle decorate con tatuaggi da indossare sotto pantaloncini oltre il ginocchio, magliette borchiate o con stampe floreali, giacche a vento oversize o ponchi. Il denim è protagonista con modelli skinny rotti e apparentemente consumati (trattamento tie-dyed per rende la tela più chiara, quasi bianca). Le scarpe si distinguono per i lacci fluo e le suole colorate. Vivienne Westwood, infine, sorprende con il suo temperamento britannico anticonformista e porta in passerella look che giocano con i contrasti, alternando soprabiti fino ai piedi a slip e short dalla forte carica sensuale. Gli anni ‘80 rivivono con motivi etnici, canottiere basic e camicie larghe fantasia. Gli accessori sono appariscenti ed esibiscono collane maxi in metallo, bandane e tracolle di pelle, e sandali alla caviglia.


(25 giugno 2015)


Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.