Ultime Notizie

Più sudi più profumi: la promessa dei ricercatori

"Più sudi più profumi!" sembra lo slogan di un qualche nuovo, efficace e imperituro deodorante, di quelli che – ci fossero anche 56 gradi all'ombra e si sia pure appena tornati da una corsetta nella spiaggia rovente a mezzogiorno – lasciano le ascelle profumate come 8 ore, 3 chilometri e due pasti prima, quando si è usciti dalla doccia – e non importa quanto si storce il naso: la pubblicità dice che la durata è di 24 ore, e se lo dice la pubblicità deve essere vero, eh.


E invece no: non è la solita frase sbandierata a piena voce da una modella con le braccia alzate (ricorderete tutti “Altolà al sudore”), bensì una promessa fatta nientedimeno che dagli arguti ricercatori della blasonata Queen’s University di Belfast, nel Regno Unito. Questi incantevoli signori – e lo sono, se stanno cercando un rimedio a quell'odore fetido e nauseabondo di sudore che dopo essere penetrato nel naso, e ci riesce anche se si trattiene il respiro, vi rimane almeno un paio d'ore – hanno messo a punto un sistema che permetterebbe di catturare le fragranze che, a contatto con il sudore, verrebbero sprigionate mentre le sostanze di scarto – quelle che danno vita a quel lezzo insoffribile, in parole povere – vengono neutralizzate. Fantastico, praticamente.


Ma come funziona?
La "trappola" altro non è che un liquido il quale, contenendo cariche positive e negative, lega a sé le molecole aromatiche, a loro volta dotate di carica. L'acqua emessa con la sudorazione viene liberata, mentre la "trappola" liquida cattura le componenti del sudore. Pare che non si sia tanto lontani da vedere questa utile trovata lanciata sul mercato.


Che sia la fine di nasi tappati dalle dita, di conati di vomito e di allusioni, vaghe ma mirate a produrre consapevolezza, su docce e lavaggi?


(19 giugno 2015)


Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.