Concorsi pubblici, stop al valore del voto di laurea - Prima Pagina on line

Prima Pagina on line

L'informazione come unico grande bisogno

Post Top Ad

Concorsi pubblici, stop al valore del voto di laurea

Share This
L’emendamento del ddl alla pubblica amministrazione presentato da Marco Meloni sui concorsi pubblici porterà a una svalutazione del voto di laurea a favore di una maggiore importanza dell’ateneo di provenienza del laureato. Quindi conterà sì un 110 e lode ma dipenderà molto anche da dove è stato conseguito tale risultato.


Tale provvedimento è anche volto ad arginare il fenomeno di quelle università che hanno molti laureati con il massimo dei voti e che quindi possono essere valutate come facoltà a manica larga e che permettono quindi di conseguire facilmente una laurea.
Una conseguenza di tale provvedimento potrebbe essere la distinzione tra università di serie A e università di serie B con minori iscrizioni in quest’ultime, ma un effetto positivo sicuramente sarà quello di disincentivare i cosiddetti “diplomifici”.


Una polemica si è già aperta su chi considera questa legge un ennesimo passo contro la meritocrazia e verso l’abolizione del valore legale del titolo di laurea.


(18 luglio 2015)




Post Bottom Ad

Pagine