I consigli di un esperto per le notti afose: dormire con temperature da urlo si può - Prima Pagina on line

Prima Pagina on line

L'informazione come unico grande bisogno

Post Top Ad

I consigli di un esperto per le notti afose: dormire con temperature da urlo si può

Share This
Ovunque, in questi giorni, le persone inveiscono contro questo caldo che, opprimente e letale, fa diventare ogni giornata una lunga, interminabile seduta di sauna. Per chi, poi, soffre d’insonnia le notti sono motivo d’angoscia: nemmeno durante il buio le temperature danno un po’ di tregua. Ma quali sono gli accorgimenti per passare delle notti più tranquille?


Il dottor Gioacchino Mennuni (del centro Medicina del sonno del complesso integrato Columbus, Università Cattolica del Sacro Cuore) ha creato un vademecum per affrontare una serena estate 2015. Pare che molto dipenda dalla sensibilità propria della persona: c’è chi, anche se con qualche difficoltà, si abitua comunque e chi proprio non riesce a chiudere gli occhi se non sente un po’ di fresco. Se si ha un rituale, comunque, bisogna seguirlo sempre: la lettura in particolare aiuta gli occhi a stancarsi, ma ogni tipo di rituale va bene se può aiutare la regolarità del proprio corpo – fosse anche preparare la borsa o i vestiti per l’indomani.


La tv è meglio guardarla in salotto: la camera da letto deve rimanere un luogo di riposo, di tranquillità e questo non succede se viene associata alla tecnologia, con i suoi schermi luminosi e i suoi impulsi elettrici. Gli integratori – come la melatonina e altri affini – non aiutano granché: sono regolatori non inducenti. 


Un aiuto valido e non dannoso è il ventilatore – che fa circolare l’aria senza che essa diventi eccessivamente fredda – solo se si ha l’accortezza di coprirsi con un lenzuolo fine – per evitare i colpi d’aria. Meglio bere prima di andare a letto – per non rischiare di doversi svegliare per andare in bagno – e se ci si sveglia durante la notte è meglio alzarsi e distrarsi per poi rimettersi a letto quando torna il sonno.
Be’, ora buonanotte.


(17 luglio 2015)      


Post Bottom Ad

Pagine