La guerra dei droni - Prima Pagina on line

Prima Pagina on line

L'informazione come unico grande bisogno

Post Top Ad

La guerra dei droni

Share This
Le moderne strategie militari si affidano sempre di più all’uso degli UAV (Unmanned Aerial Vehicle), vale a dire i droni, aerei senza pilota in grado di sorvegliare aree molto estese e scattare fotografie ad alta definizione e anche sganciare bombe sugli obiettivi nemici.


Ad utilizzare più di tutti i droni sono senza dubbio gli Stati Uniti d’America, che possiedono ben settemila di questi aeromobili senza pilota e li utilizzano per individuare i nemici nelle aree più calde del pianeta. Questi velivoli controllati in remoto sono stati e sono tuttora molto utilizzati in varie operazioni militari in Iraq, Afghanistan, Siria, Yemen e nelle cosiddette FATA, le aree tribali del Pakistan, considerate il vero quartier generale dei terroristi di Al Qaeda e dell’ISIS.
L’uso dei droni permette ai militari di controllare vaste aree anche da molto lontano senza correre rischi e questo riduce l’impatto della guerra sull’opinione pubblica che molto spesso è contraria a mandare i soldati in zone molto pericolose con il forte rischio di attentati; grazie a questi velivoli sono stati individuati e disinnescati in tempo molti IED (Improvised Explosive Device), cioè ordigni improvvisati che possono fare molti danni a cose e persone.


Certamente esiste il rischio concreto che la tecnologia dei droni finisca in mani sbagliate; con Internet e la globalizzazione anche le nuove tecnologie fanno in poco tempo il giro del mondo e in futuro non si può escludere che anche le organizzazioni terroristiche come l’ISIS o Al Qaeda ne entrino in possesso e questo significherebbe quasi certamente un’ondata di attentati e attacchi sanguinari. Il ramo di Al Qaeda nella penisola arabica ha già fatto circolare in alcuni tra i principali forum jihadisti su Internet video in cui viene insegnato ad evitare le telecamere dei Predator statunitensi.
Questi aeromobili non sono utilizzati solamente per scopi militari; tanti vengono impiegati per soccorrere persone e intere popolazioni colpite da gravi calamità naturali in zone remote e altrimenti irraggiungibili, per trasportare oggetti, per sorvegliare piante e animali a rischio estinzione e per le riprese di cinema e televisione.


In futuro si può certamente prevedere che l’uso dei velivoli senza pilota sarà sempre più massiccio e quindi sarà sicuramente necessario approntare un aggiornamento alla normativa vigente per minimizzare i rischi di un utilizzo indiscriminato di questi aerei e per proteggere i cittadini da eventuali attacchi terroristici compiuti con questo tipo di mezzi.     


(10 luglio 2015)



Post Bottom Ad

Pagine