Ultime Notizie

Gli Stati Uniti si preparano a tagliare le emissioni di CO2

In un’affollatissima conferenza stampa il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha presentato il Clean Power Plan, un progetto di legge che, nelle sue intenzioni, dovrebbe ridurre le emissioni inquinanti del 32% da oggi al 2030. “Niente minaccia di più il nostro futuro e quello delle generazioni a venire del cambiamento climatico” – ha esordito il Presidente nel suo discorso di presentazione del disegno di legge ambientale alla Casa Bianca, mettendo subito in chiaro che per lui e la sua amministrazione la lotta ai cambiamenti del clima rimane in cima alla lista degli obiettivi da raggiungere prima della fine del mandato.


Obama ha continuato il suo discorso sottolineando che: “Entro il 2030 le morti premature legate alle emissioni di carbonio saranno ridotte del 90% e ci saranno 90.000 casi in meno di forme gravi di asma per i bambini americani”. La principale preoccupazione del Presidente è proprio la salvaguardia della salute che significa anche un miglioramento dell’economia, perché si riducono i giorni di assenza da scuola e lavoro per malattia.
Ai repubblicani che lo accusavano di non tenere conto dei posti di lavoro legati ai combustibili fossili che verrebbero persi con l’applicazione della nuova legge, Obama ha risposto che il settore delle energie rinnovabili è ancora giovane e di certo molti lavoratori potrebbero trovare una nuova occupazione nell’economia green; sempre secondo il Presidente ci potrebbero anche essere molte nuove assunzioni per esperti di energia pulita. I critici che giudicano il piano irrealizzabile e troppo costoso, secondo il Presidente, stanno solamente trovando delle misere scuse per non agire e non sanno che ogni famiglia statunitense potrebbe risparmiare anche 85 dollari l’anno sulle bollette di luce e gas.


“Se non affrontiamo nel modo giusto il problema del clima che cambia, presto potremmo passare il punto di non ritorno e questo avrà gravi ripercussioni anche sulla sicurezza nazionale, perché ci saranno incendi, alluvioni ed uragani sempre più frequenti e violenti che faranno molte vittime civili e gravi danni alle infrastrutture e all’economia” – ha aggiunto Obama che vuole assolutamente fare passare la legge al Congresso senza compromessi al ribasso.
Per il governo degli Stati Uniti la lotta alle emissioni di gas serra è anche un modo per ribadire la propria supremazia nei confronti della Cina, infatti è stato ribadito chiaramente che “gli Stati Uniti avranno la leadership anche nel coordinare gli sforzi globali per combattere i cambiamenti del clima”.


La svolta degli Stati Uniti fa ben sperare in vista della nuova conferenza sul clima che si terrà a Parigi a dicembre in cui veramente tutte le nazioni saranno chiamate a fare passi in avanti concreti per la protezione del nostro pianeta.


(5 agosto 2015)



Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.