Ultime Notizie

I musei italiani cambiano volto, dirigenti stranieri alla guida

Alla guida di alcuni dei più importanti musei italiani troviamo per la prima volta dirigenti stranieri. Eike Schmidt agli Uffizi di Firenze, tedesco, 47 anni, storico dell’arte; Sylvain Bellenger, 60 anni, francese, storico dell’arte alla reggia di Capodimonte di Napoli; James Bradburn, inglese, 59 anni alla pinacoteca di Brera (Milano); Cecilie Hollberg, storica, 48 anni alla galleria dell’Accademia di Firenze; Peter Aufreiter, 40 anni, storico dell’arte austriaco alla Galleria nazionale delle Marche (Urbino); Gabriel Zuchtriegel, 34 anni, archeologo tedesco al Parco archeologico di Paestum; Peter Assmann, 61 anni, storico dell’arte austriaco al Palazzo Ducale di Mantova.


Questi i sette dirigenti stranieri sui 20 in totale scelti dal ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini. L’Italia ha bisogno di eccellenze per quanto riguarda la valorizzazione, i direttori avranno tre missioni: riappropriarsi dei progetti scientifici, modernizzare i musei dando la possibilità di passare un’intera giornata in visita e vivere una grande esperienza culturale, predisponendo quindi bookshop, ristorazione, laboratori, multimedialità e servizi; infatti, l’80% dei musei non ha un bookshop e solo quattro hanno un ristorante all’interno. Per fare questo, bisogna lavorare come squadra perché la forza sta nei 400 musei statali presenti sul territorio che insieme devono formare un sistema.


Questo è quello che il ministro vuole creare per puntare sempre di più non solo sulla tutela del patrimonio ma anche sulla valorizzazione adeguando i nostri musei a quelli stranieri, che già dispongono dei servizi sopracitati al loro interno.


(20 agosto 2015)


Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.