Morire per “sballarsi”: ma ne vale davvero la pena? - Prima Pagina on line

Prima Pagina on line

L'informazione come unico grande bisogno

Post Top Ad

Morire per “sballarsi”: ma ne vale davvero la pena?

Share This
È notizia di questi giorni la morte di alcuni giovani ragazzi (anzi giovanissimi) che hanno perso la vita per assunzione di droghe o abuso di alcol: uno alla discoteca Cocoricò di Riccione e un altro al Guendalina, una discoteca salentina.


Vite spezzate troppo presto per lo sballo di una sera: non capiremo mai perché i giovani debbano ridursi così per divertirsi quando ci sono modi migliori per farlo senza rischiare la vita.


La colpa non è né dei gestori delle discoteche né delle famiglie, che possono sì cercare di indirizzare il figlio verso la retta via ma poi è il ragazzo stesso che deve sapere cosa è giusto fare o non fare e soprattutto quali sono le conseguenze delle proprie azioni. Forse ci vorrebbe un po' più di educazione contro l’abuso di alcolici e sostanze stupefacenti, magari organizzando incontri con persone che sono passate per quelle strade e ne sono uscite, sarebbe di certo un monito in più. Sarebbe bello leggere poche notizie su queste morti assurde e queste (poche) notizie dovrebbero essere un monito per stare più attenti.


(11 agosto 2015)


Post Bottom Ad

Pagine