Ultime Notizie

Afghanistan, avvelenate 134 persone a Herat

Sono 134 le persone tra studentesse e insegnanti che sono svenute a causa di un avvelenamento dovuto a una sostanza dispersa nell’aria in una scuola durante una lezione. Le persone hanno accusato un senso di vertigini e nausea fino a perdere i sensi. Questo fatto ha scatenato la reazione dei genitori delle ragazze che si lamentano del basso livello di sicurezza nelle scuole, essendo questo il terzo incidente del genere nel giro di una settimana.


Le persone coinvolte sono di età compresa tra gli 8 e i 35 anni. Solo un giorno prima, 200 studenti erano svenuti nel distretto di Injil. Probabilmente le ragazze sono prese di mira in quanto, per i fondamentalisti, non devono studiare; secondo la loro mentalità, il diritto allo studio non dovrebbe essere loro concesso. Quello che oggi in Occidente vediamo come un diritto inalienabile, in tempi passati non era poi così scontato. Nell’Ottocento il ruolo della donna non era del tutto allineato con quello dell’uomo, non potevano studiare quanto loro.


La prima donna laureata in Italia, dopo la nascita dello Stato unitario, fu Ernestina Paper; conseguì la laurea in Medicina e Chirurgia nel 1877. All’epoca Medicina era una facoltà quasi esclusivamente maschile, solo Pediatria e Ginecologia erano specializzazioni conseguibili da dottoresse. In ogni caso il nostro Paese detiene un primato di tutto rispetto: la veneziana Elena Lucrezia Cornaro è stata la prima laureata al mondo. Nel 1678, a 32 anni, Elena ottenne una laurea in Filosofia anche se, in quanto donna, non poté insegnare.


(4 settembre 2015)


Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.