Ultime Notizie

Tagliagole in Italia: i terroristi invadono il Colosseo

State leggendo Il Vangelo del Bifolco, rubrica settimanale nella quale il nostro bifolco di fiducia passa in rassegna le notizie principali. Se vuoi candidarti come Bifolco della settimana manda una mail alla redazione, tanto hai sicuramente le carte in regola per esserlo.
La rubrica è di chiara matrice satirica e parodistica, pertanto nulla è da prendere alla lettera.
Ciò significa che la Camusso non taglia nessuna gola ed i sindacalisti non sono terroristi…
Ciò significa che la Camusso non taglia nessuna gola.
Meglio.


Il Bifolco si alza. È mattina ed una quiete apparente regna nella casa. Si alza dunque, e copre il corpo eternamente cadente con un accappatoio mal stirato o con uno qualsiasi degli asciugamani che dominano il pavimento della camera grande. Si dirige, facendo saettare le narici e schioccando la lingua all’interno della bocca, verso la cucina, dove la moglie, asservita quanto basta, ha di recente depositato un colazione qualsiasi sul tavolo. Egli grugnisce, simulando un saluto e sorride (almeno con i denti rimasti) alla compagna di mille avventure. Poi accende un dispositivo elettronico, sicuramente di razza aliena, e scorre con aria assente i titoli. Ed ecco che il viso si raggela.
Apre il sito del primo giornale e si tratta de La Stampa. Il sito de La Stampa si può aprire solo per sbaglio poiché si possono si leggere le notizie ma fino ad un certo punto. I mafiosi almeno il pizzo te lo fanno pagare senza lasciarti decidere, il sadismo e le chiare tendenze dominatorie di alcuni dirigenti del quotidiano invece decidono prima di farti iniziare a vedere l’articolo e poi, sul vivo, ti inseriscono una bella scritta, contornata di un blu intenso, che recita “CONTINUA”. Al che tu clicchi e viene fuori che per leggere devi avere un abbonamento.


Ad ogni modo, dopo aver scartato il già citato quotidiano ed aver emanato ventate colme d’un olezzo a tratti esotico, a tratti premonitore, il Bifolco sceglie l’ANSA, per darsi un tono ufficiale. Lì apprende che un manipolo di pericolosi terroristi internazionali noti come “Sindacati” hanno pensato bene di riunirsi all’ombra delle colonne del Colosseo per stabilire la data della futura impiccagione di qualche esponente a Sinistra oppure per rivangare ricordi di quell’estate in cui noi partigiani….
Ora, come si sarà evoluta la faccenda, si chiede ansimando e ruttando la colazione appena ingurgitata il Bifolco. Ebbene, i turisti, che hanno aspettato sotto il sole di entrare, oppure semplicemente atteso l’intervento divino o magari la seconda venuta del figlio dell’uomo, non sono stati molto felici. Tutto ciò si traduce in una figuraccia colossale (tutti i nodi vengono al pettine) davanti al mondo intero.
Ma, apprende l’uomo, un supereroe è sceso subito in campo per porre rimedio alla furia omicida dei compagni sindacalisti. Matteo Renzi, infatti, tramite il canale ufficiale di diffusione di messaggi politici (la RAI? Anche no) ha cinguettato che i musei sarebbero stati inseriti nella lista dei servizi pubblici essenziali. Si è poi schierato duramente contro la regina dei dinamitardi, Susanna Camusso (i ben informati riferiscono di affiliamenti ad Al-Qaeda nonostante lo Stato Islamico abbia or ora rivendicato l’occupazione) ribadendo come la “cultura ostaggio” dei brigadisti non verrà lasciata andar contro l’Italia. Ah, dei sindacalisti, il Bifolco si scusa.
La tagliagole ha replicato sogghignando e sbavando sulla falce sempre a portata di mano (per motivi d’ordine privato) definendo strano un Paese in cui non si può scioperare, con un sarcasmo degno dei propagandisti dell’ISIS.


Scorrendo col dito unto di marmellata ed un secondario e ben meno gustoso tipo di cioccolato sullo schermo dell’archibugio, il Bifolco scorge poi la lista di nomi di marionette che, mossi da chissà quale ventriloquo, hanno lasciato un proprio pensiero riguardo l’accaduto. Fra loro scorge ogni sorta di bestia da circo disponibile sul mercato, come ad esempio Raffaele Fitto, noto angelo sceso in Terra (che però ha le mani un po’ troppo lunghe), che il sito de l’agenzia nazionale di stampa associata (portale di gossip apprezzato in tutta la penisola) definisce leaderdi Conservatori e Riformisti (esiste davvero?).
Allibito ed intimorito per la propria sicurezza, il Bifolco avverte la moglie di ciò che gli squadristi stanno mettendo in atto mentre la suddetta, con sguardo sufficientemente basso, continua a lavare i piatti, da brava quota rosa.


(19 settembre 2015)



Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.