Il Quartetto per il dialogo nazionale tunisino vince il Nobel per la pace - Prima Pagina on line

Prima Pagina on line

L'informazione come unico grande bisogno

Post Top Ad

Il Quartetto per il dialogo nazionale tunisino vince il Nobel per la pace

Share This
Il prestigioso Premio Nobel per la pace è stato assegnato dall'Accademia di Oslo al Quartetto per il dialogo nazionale tunisino, ente che raggruppa al suo interno quattro associazioni di categoria: il sindacato dei lavoratori tunisini UGTT, l'Unione degli imprenditori, l'Associazione nazionale forense e la Lega per la difesa dei diritti dell'uomo.


La motivazione ufficiale del riconoscimento è “per il contributo decisivo alla costruzione di una democrazia pluralista in Tunisia dopo la rivoluzione dei Gelsomini del 2011”; inoltre, il Quartetto “è riuscito a creare un processo politico pacifico in un momento in cui la Tunisia era sull'orlo di una guerra civile. E così ha messo il Paese nelle condizioni di stabilire una costituzione e un sistema di governo che garantisca i diritti fondamentali a tutto il popolo tunisino, indipendentemente dal genere, dal credo politico o dalla fede”.


Il premio vuole essere uno sprone per tutto il popolo tunisino a continuare sulla strada del consolidamento della fragile democrazia e delle riforme, e soprattutto a non arrendersi alle minacce dei gruppi islamisti radicali e dell'ISIS. Quest'anno la Tunisia ha vissuto ben due attentati sanguinosi, il primo a gennaio al Museo del Bardo e il secondo sulla spiaggia di Sousse; l'economia del Paese è stata molto danneggiata dai due attacchi perché il turismo è il settore di punta nel Paese nordafricano.
La Tunisia è stato il primo Paese da cui è iniziata la cosiddetta “primavera araba” ed è anche l'unico in cui si sia instaurata una vera forma di democrazia, anche se ancora molto fragile e sempre esposta al rischio di derive dittatoriali, per questo il Nobel è un segno che la strada imboccata è quella giusta anche se il lavoro da fare è ancora molto. I Paesi confinanti sono tutti in preda a lotte interne e hanno intere zone ormai controllate quasi totalmente dai miliziani islamisti; per questo il governo di Tunisi deve impegnarsi al massimo per consolidare i progressi fatti finora e allontanare il più possibile la minaccia jihadista.


Si spera che l'ambito riconoscimento sia davvero uno stimolo all'unità nazionale e alla pacificazione non solo per la Tunisia, ma per tutti quei Paesi come la Libia e la Siria in cui da anni va avanti una guerra senza esclusione di colpi che vede contrapposti l'esercito regolare e alcune milizie affiliate ai combattenti dell'ISIS e di alcuni signori della guerra senza scrupoli.


(13 ottobre 2015)


Post Bottom Ad

Pagine