Ultime Notizie

Ora solare 2015: quando cambia e come evitare i disturbi dell'orologio biologico

La notte tra sabato 24 e domenica 25 ottobre l’ora legale lascerà il posto a quella solare. Di conseguenza avremo un'ora di luce in meno e dovremo spostare le lancette dell'orologio indietro.


Il cambio d'ora spesso suggella definitivamente il cambio di stagione e il freddo diventerà sempre più prepotente, tanto da prevalere sul flebile calore di un timido sole. Alcune persone risentono del ripristino dell'ora solare, passaggio che altera le loro abitudini. L'effetto che si verifica è per lo più un disturbo del sonno, ma talvolta il corpo soffre lo scombussolamento dell'orologio biologico manifestando anche problemi di diversa natura. Quando torna l'ora solare, oltre a subire i comuni fastidi dell'insonnia, alcune persone fanno fatica, al contrario, a svegliarsi. Ciò accade soprattutto nei soggetti affetti dalla cosiddetta depressione invernale, coloro che accusano la mancanza di luce e non tollerano l'arrivo precoce del buio.


Per sintonizzare immediatamente il corpo con il nuovo orario ed evitare sfasamenti, questi soggetti, a partire dal giovedì precedente, dovrebbero andare a dormire 15 minuti più tardi del loro solito orario, in modo da favorire l'adeguamento ai nuovi ritmi. La ridotta quantità di luce incide anche sulla produzione di importanti sostanze regolatrici dell'umore. Quando manca il sole, il livello di serotonina rilasciato nel cervello è nettamente inferiore, mentre aumenta quello di melatonina, sostanza, quest'ultima che agisce sul ritmo del sonno. Il diverso bilanciamento dei due neurotrasmettitori monoaminici influenza l'umore rendendo infelici e apatici.


Più in generale, quando si fanno recedere le lancette indietro, il fisico viene forzato a provare a dormire un'ora in più, spesso senza successo, impedendo così al cervello di usufruire dei famosi 60 minuti di riposo in accredito. La mente, quindi, non riesce a ricaricare le energie perché di fatto è attiva e in stand-by. Il consiglio è quindi quello di iniziare già durante la settimana a cambiare l'orario in cui ci si corica e ci si sveglia in modo da arrivare preparati, poiché il corpo impiega circa 3 o 4 giorni a sincronizzare i nuovi ritmi di bio-luce. Se pensate che questa tattica non possa avere effetto, recatevi in una parafarmacia per acquistare qualche infuso o compressa naturale che possa agevolare la “caduta” nelle braccia di Morfeo.


(22 ottobre 2015)


Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.