Perché più bella di Parigi di giorno c’è solo Parigi di notte - Prima Pagina on line

Prima Pagina on line

L'informazione come unico grande bisogno

Post Top Ad

Perché più bella di Parigi di giorno c’è solo Parigi di notte

Share This
Parigi. Le mille strade – di quelle che faticherai a distinguere, da qui ai prossimi non giorni ma mesi – i palazzi imponenti e le case più piccole – quelle che, piccole ma invitanti, sembra ospitino una famiglia di bambole – l’odore – quello strano odore di nuovo e di vecchio insieme, di dolce – la lingua – “questa sconosciuta!” che ti appresti a studiare mentre una vocina dentro di te la classifica come regale, dolce ma forte, soave – le persone che passano come treni in corsa – tutti qui corrono frenetici e veloci come se non ci fosse un domani – e quella sensazione.


La sensazione di poterti perdere ma trovare. La sensazione di non sapere dove stai andando mentre comunque – lo sai, ne sei certo – lo saprai. La sensazione che le cose, no, non vanno troppo bene ma che con impegno – il tuo, quello stesso che stai promettendo a te stessa e al mondo – lo faranno. La sensazione che per trovarti a casa dovrai guardarti solo un po’ intorno, tra quelle cose che portano il tuo odore e il tuo aspetto.


Tutto questo mentre la nostalgia ti attanaglia il corpo. Perché è bella questa grande città dove tutto sembra difficile ma possibile; è magica e reale insieme. È un sogno – di quelli a occhi aperti che di notte non ti fanno prendere sonno. Ma ti mancano quelle strade – le stesse che percorri da quando, bambina, imparavi, cadendo sulle ginocchia, che sapore aveva un graffio sulla pelle – ti mancano quelle tue case – quella vecchia vita e quella nuova vita che ora sono entrambe “passate”, almeno per un po’, per quell’eterna frazione di secondo che si chiama cambiamento – ti mancano i sorrisi conosciuti e quel presentimento – che sa un po’ di abitudine e un po’ di sicurezza – che anche questo giorno sarà “tutto ok, normale”.


Intanto, il cuore rotto in due da emozioni contrastanti, ti appresti a godere di questa città, a prendere ciò che essa ha da dare, a berne il nettare e cibarti della sua polpa. Sia perché è una città senza tempo e sia perché ormai ci sei, e si sa che se si fa trenta è giusto fare trentuno. E non è che un bellissimo trentuno se si pensa a una città così… la città dell’amore. Quella che hai sempre visto nei film e che hai desiderato conoscere. Quella che il suo nome è e sempre sarà. Quella che tu un giorno racconterai – perché Parigi è da raccontare, da citare, da ricordare.
E mentre il sole non batte più sui palazzi e sul tuo viso stanco sei certa di non vedere l’ora che arrivi la sera. Lo senti: più bella di Parigi di giorno c’è solo Parigi di notte.


(3 ottobre 2015)



Post Bottom Ad

Pagine