Ultime Notizie

X Factor 9: con i primi Bootcamp iniziano a prendere forma le squadre di Elio e Fedez

Manca ormai poco ai live della nuova stagione di X Factor, quando le dodici migliori promesse della musica italiana si sfideranno all'ultimo televoto fino ad eleggere l'erede di Lorenzo Fragola.


La giuria più internazionale di sempre, composta dai confermatissimi Fedez e Mika, dal redivivo Elio e dalla superstar new entry Skin, ha iniziato con la fase dei Bootcamp a dare forma ai quattro team. Nella puntata di giovedì 1° ottobre è toccato al rapper milanese e al leader della band più originale del panorama musicale italiano scegliere i sei più meritevoli per le categorie BAND (novità di questa edizione) e OVER 25.

Le band di Fedez

OSC2X - Molto particolare con un cantante sopra le righe. L'aver dimenticato il testo di Centro di gravità permanente non rappresenta un problema irrimediabile per il loro giudice.

Street Chords - Discograficamente già visti e sentiti secondo Fedez, ma il miglior gruppo vocale che c'è stato a X Factor. Nell'edizione delle band la sorpresa potrebbe essere paradossalmente un gruppo vocale.


Urban Strangers - Due giovanissimi ragazzi specializzati nell'armonizzazione che con una chitarra e un microfono riescono a creare la magia attorno a loro. Il classico caso in cui nessuno all'apparenza scommetterebbe un euro per poi pentirsene amaramente. I giudici sono entusiasti, tutti tranne Fedez che ammette di vedere in crisi la sua convinzione di portarli dritti alla finale.

Musik - Con una voce femminile che non ha niente da invidiare a nessun'altra concorrente. Non rimanere ammaliati dal loro sound è praticamente impossibile. È per loro che scatta la prima standing ovation di questi bootcamp. Contro di lei soltanto Mika, ormai dichiaratamente il “cattivo” di questa edizione. Fortunatamente non la pensa come lui Fedez.



LandLord - Un elemento in più dei Musik, ma la sostanza onestamente è quella. Purtroppo si scontrano due grandi band impossibilitate a condividere lo stesso palco. Sono guai per Fedez che, pur consapevole di questo, sa che presto dovrà fare una spiacevole rinuncia.

Iron Mais - Indiscutibilmente i più originali, tanto fuori dalle righe quanto basta per non scadere nel ridicolo, per mantenere una loro credibilità. La versione country di Pop porno (trasformata in “Odore di Porco”) resterà nella storia delle selezioni di X Factor. Sono loro la scommessa di Fedez.


Over (tutti al maschile) per Elio

Marco Sbarbati – Propone una versione voce e chitarra di Hold Back The River, il potenziale c'è ed è tangibile. Il rischio è che possa risultare un po' noioso.

Giovanni Sada - Ai casting aveva fatto urlare di piacere Skin. Ai bootcamp si presenta con un brano più intimista e fa faville: la leader degli Skunk Anansie ammette che è proprio lui uno dei suoi preferiti in assoluto, Mika lo rimprovera per non aver partecipato l'anno scorso (quando avrebbe fatto parte della sua categoria). Elio lo insulta per averlo messo nei guai. Una vera garanzia.


David è la voce R&B di quest'anno, quella sfumatura di colore che non sempre ha avuto la considerazione che merita nelle passate edizioni di X Factor. Elio ammette di non essere molto a proprio agio in questo mondo musicale, ma di fronte a cotanta bravura non può che accettare la sfida.

Massimiliano D'Alessandro aveva già conquistato l'affetto dei giudici e del pubblico ai primi casting. La sua estrema semplicità evolve e si trasforma in grinta al primo accordo di chitarra. Voce graffiata al punto giusto e una bella storia alle spalle. L'unico neo potrebbe essere rappresentato dal suo essere poco appetibile per il mercato discografico. Il lavoro duro per un futuro roseo spetta a Elio.

Il palermitano Davide Sciortino dimostra che anche senza la fidanzata in corsa è davvero un fuoriclasse. L'ennesimo talento italiano scappato all'estero, uno dei pochi che ha avuto il coraggio di tornare. Insomma non facciamocelo sfuggire un'altra volta. È lui il cavallo di razza della compagine di Elio.

Diego Esposito è il classico concorrente di un talent italiano. Voce graffiata, melodie nazionalpopolari, bel faccino. Insomma non manca niente... di eccezionale. Il pubblico si alza in piedi, Skin parla di voce da sogno. A Elio non resta che prenderlo in brigata.



Sul finire un vero colpo di scena...
Il posto agli Home Visit per Sara Loreni era praticamente assicurato. Era infatti lei l'unica ragazza sopravvissuta alle selezioni nella categoria degli Over. Ma attenzione a pensare che la cantante dalla erre moscia avrebbe fatto parte della gara solo per questo. Con la sua Loop Station la signorina dimostrava di essere capace di mettere in piedi un'esibizione di spessore, originale ed efficace, da sola, senza altri supporti. Skin non è convinta, Fedez dice che è poesia. Elio (e il sottoscritto) la pensano come il rapper. Ma ecco che è lei a non pensarla così, con un colpo da teatro rifiuta di prendere il posto di Marco Sbarbati e, reputandosi meno brava, rinuncia all'occasione della sua vita.


(3 ottobre 2015)

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.