Quanto sono sicure le nostre città? - Prima Pagina on line

Prima Pagina on line

L'informazione come unico grande bisogno

Post Top Ad

Gli attentati di Parigi riportano drammaticamente in primo piano il tema della sicurezza nelle nostre grandi città; è dimostrato che cellule islamiche dormienti sono vicino a noi, nei nostri quartieri e possono colpire all’improvviso, senza che noi ce ne accorgiamo. Per le nostre forze di sicurezza e di intelligence è difficile controllare che nessun terrorista si infiltri nella nostra società, visto che molto spesso coloro che sembrano i più integrati ed aperti sono proprio i più pericolosi; questa difficoltà a distinguere tra musulmani moderati ed estremisti porta alla nascita di un clima di tensione, razzismo e diffidenza in cui a rimetterci sono sempre i più deboli e innocenti.


L’ultimo terrorista del commando che venerdì sera ha seminato morte, distruzione e paura a Parigi e in tutta Europa, Abdeslam Salah, è nato e cresciuto nel quartiere multiculturale di Bruxelles e si sarebbe avvicinato alle idee più estremiste in Siria. Anche gli altri jihadisti erano cittadini belgi e francesi che all’improvviso, mossi da un odio incontenibile, hanno deciso di unirsi e di colpire al cuore Parigi, la metropoli da sempre simbolo di accoglienza.
I 129 morti di Parigi erano ragazzi e ragazze che, dopo una settimana di lavoro, avevano deciso di passare una serata divertente a sentire il concerto degli “Eagles of Death Metal” o al ristorante a chiacchierare con gli amici; all’improvviso la serata che doveva essere di festa si è trasformata in un incubo e lacrime e sangue hanno preso il posto delle risate e delle canzoni. Dopo l’attacco a Charlie Hebdo e al supermercato ebraico Parigi, e con essa tutta l’Europa, si scoprono ancora una volta vulnerabili ed impreparate a fare fronte ad un terrorismo che nasce proprio in alcune zone delle nostre città.


Il governo francese, insieme a quello belga, sta portando avanti una caccia all’uomo senza precedenti e nel frattempo si stanno effettuando perquisizioni in tutta Europa durante le quali sono stati arrestati insospettabili cittadini con chiare simpatie jihadiste. La Francia ha cominciato a bombardare la città di Raqqa, nel nord della Siria, la roccaforte del Califfato e ha promesso che punirà molto duramente tutti coloro che hanno avuto una responsabilità nel pianificare gli attacchi a Parigi. Il Presidente Hollande ha fatto sapere che continuerà a lavorare anche sul piano diplomatico per limitare l’impatto dei raid aerei sulla popolazione civile, che è anch’essa ostaggio degli uomini del Califfato. I miliziani, quando prendono il controllo di una zona, infatti, costringono tutti ad una conversione forzata alla religione islamica e proibiscono ogni divertimento; chi si rifiuta viene uccisi subito se uomo, mentre le donne vengono usate come schiave sessuali.


Adesso la domanda che ci dobbiamo porre è: “Saranno in grado i governi occidentali di evitare che si ripetano altre atrocità come quelle di Parigi”? Senza un adeguato controllo delle frontiere, unito a misure drastiche contro l’ISIS, nascosti tra la marea umana dei rifugiati molti potenziali terroristi stanno entrando o sono già entrati in Europa e sarà sempre più difficile scoprirli ed espellerli.


(16 novembre 2015)



Post Bottom Ad

Pagine