Ultime Notizie

Capodanno 2016, le mete più gettonate dagli italiani

Capodanno è alle porte e gli italiani si preparano a trascorrere il lungo weekend all’insegna del divertimento e della buona tavola. Ma quali sono le mete più gettonate? Secondo Trivago.it, Firenze è la città che ha registrato il più alto numero di prenotazioni, seguita da Roma, Venezia, Verona, Milano e Napoli. Luoghi d’arte, insomma, in cui è possibile conciliare cultura e svago, scegliendo di visitare monumenti e siti di interesse storico-artistico durante il giorno per poi immergersi nella movida notturna al calar del sole, approfittando dei numerosissimi eventi di strada o di piazza che ogni città ha esposto in vetrina. Livigno, Bormio e Roccaraso si collocano, invece, come le località più richieste dagli amanti dell’alta montagna e degli sci, nonostante le condizioni climatiche anomale che hanno determinato una diminuzione delle nevicate anche ad alta quota.



Il sito di viaggi Opodo, nella classifica delle mete europee più affollate, segnala, contrariamente ad ogni aspettativa, un boom di prenotazioni per Parigi, che anche quest’anno resta in testa, seguita da Amsterdam, che garantisce grande divertimento soprattutto ai giovani, Vienna e Londra. La spesa media sarà di circa 110 € a persona per un volo A/R e le preferenze vanne alle compagnie lowcost, tra cui primeggiano Ryanair e EasyJet, mentre anche Alitalia riesce a conquistare un buon numero di viaggiatori. Per i costi di soggiorno, invece, Trivago.it registra una media di 182 € a persona per notte in camera doppia standard in hotel a 3 o 4 stelle. Secondo Coldiretti, tuttavia, gli italiani che passeranno la notte di San Silvestro fuori casa saranno solo 4,1 milioni, 2% in meno rispetto allo scorso anno. Di questi, circa il 69% ha deciso di festeggiare in case di proprietà, di parenti o amici, optando per un buon compromesso che permetta di divertirsi all’insegna del risparmio. Il 28%, al contrario, soggiornerà in un hotel, il 14% preferisce un B&B, mentre soltanto il 6% ha scelto una casa in affitto. Il rimanente 5% ha optato, infine, per un agriturismo. Segnali positivi di ripresa solo in apparenza, dunque, in quanto ben l’81% degli abituali vacanzieri quest’anno resterà a casa, replicando il Natale con cena e pranzo in famiglia. Chi può, dunque, prediligesoggiorni brevi e vicini a casa, con una spesa media di 430 € pro capite,in calo del 6% rispetto al Capodanno 2015. Tra le cause della diminuzione dei viaggi da parte degli italiani, non solo la crisi economica ma anche la paura del terrorismo: più di 2 milioni hanno, infatti, disdetto la prenotazione per Roma in occasione del Giubileo, mentre altri 2,8 milioni hanno evitato viaggi all’estero.

Anna Rita Santabarbara
(28 dicembre 2015)

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.