Ultime Notizie

Clamoroso arresto in Austria di due jihadisti

In Austria, più precisamente a Salisburgo, sono stati arrestati due combattenti jihadisti che molto probabilmente hanno avuto un ruolo di primo piano nella preparazione degli attentati che hanno insanguinato Parigi il 13 novembre.


I due sarebbero arrivati nel centro di accoglienza per richiedenti asilo della cittadina del Paese mitteleuropeo dalla Siria, passando per la Turchia, per la Grecia e per i Balcani; per il viaggio avrebbero usato passaporti ed altri documenti falsi. Proprio partendo dai documenti le autorità austriache si sarebbero insospettite e avrebbero cominciato ad indagare fino a fare la scioccante scoperta: i due falsi rifugiati sono risultati pericolosi jihadisti affiliati alle reti del terrore del sedicente Stato islamico e avrebbero aiutato nella pianificazione e nella preparazione degli attacchi alla capitale francese.


Il primo a dare la notizia dell'arresto è stato il quotidiano austriaco Kronen Zeitung; il portavoce della polizia di Salisburgo, Robert Holzleitner, ha poi confermato tutto dicendo che: “Sono stati arrestati in un blitz al centro per richiedenti asilo due cittadini francesi di origine mediorientale, fortemente sospettati di legami con il terrorismo internazionale. Sono in corso indagini serrate per capire se ci siano collegamenti con gli attacchi del 13 novembre a Parigi”.
L'antiterrorismo austriaco è in massima allerta perché si teme che i due possano essere tornati in Europa per reclutare complici e preparare nuovi sanguinosi attentati in una delle grandi città del nostro continente, oppure che volessero stabilirsi nella città austriaca in attesa di ordini per altri attacchi.
Non è ancora chiaro se ci siano stati basisti e complici ad aiutare i due terroristi a passare le frontiere, ma nel dubbio le guardie di frontiera e doganali austriache sono state messe in allarme per aumentare la vigilanza: il periodo natalizio, quando i principali luoghi di interesse della città sono molto affollati, potrebbe essere stato scelto per un attentato che susciterebbe grande clamore mediatico.


Mentre le autorità austriache indagano, questo è già il Natale più blindato degli ultimi anni e gli allarmi, molto spesso falsi si susseguono a ritmo incessante; un uomo è stato arrestato ieri mattina a Parigi per avere lanciato la sua auto a folle velocità contro l'ala dell' Hôtel des Invalides che ospita il museo di storia militare francese. Gli Stati Uniti hanno annunciato che aumenteranno i loro sforzi nella lotta all'ISIS e il governo italiano ha deciso di mandare altri 450 militari per proteggere gli operai che lavoreranno alla ristrutturazione e messa in sicurezza della grande diga di Mossul, in Iraq.


(17 dicembre 2015)



Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.