Ultime Notizie

La Germania aderirà all’operazione anti-Isis?

Tensione e preoccupazione in queste ore al Parlamento tedesco, chiamato a votare se fornire o meno aiuti militari nell’operazione anti-Isis che finora ha coinvolto in maniera massiccia solo Russia e Francia. Una decisione di massima importanza che la Germania è costretta a prendere per dare una risposta definitiva alle richieste di aiuto che la Francia ha lanciato all’Europa a seguito degli attentati dello scorso 13 novembre. Jet tornado per voli di ricognizione, una fregata, la Sachsen (nave da guerra corazzata), in ausilio del portaerei francese Charles De Gaulle per un totale di 1200 uomini: questo il contributo militare che la Germania potrebbe mettere a disposizione a sostegno dell’operazione militare nel Mediterraneo orientale, con un costo complessivo di 134 milioni di euro all’anno.


Se andasse in porto, sarebbe senza dubbio la più grande azione bellica all’estero che la potenza tedesca ha compiuto negli ultimi decenni. Basti pensare che per le missioni in Afghanistan sono stati impiegati poco meno di mille soldati. “Due anni fa non avrei mai immaginato che saremmo finiti in questo abisso”, ha annunciato il ministro della Difesa Ursula von der Leyen in una trasmissione televisiva, svelando che la Germania è tra i Paesi nel mirino dello Stato Islamico.
Recenti sondaggi dimostrano che il 45% dei tedeschi si dice favorevole all’intervento militare in Siria contro un cospicuo 39% che si batte contro “un vortice di cui non si conosce bene il fondo”. Il presidente dell’associazione dei servizi armati, Andre Wuestner, riflette, infatti, sul fatto che si tratterebbe di un’operazione che “mira a colpire obiettivi non ben definiti” e avverte che “si stanno gettando le basi per un conflitto che potrebbe durare ben oltre dieci anni”.


Certo è che l’Europa, e la Germania con essa, non sembra disposta a subire passivamente le conseguenze di una guerra silenziosa, condotta attraverso attentati inaspettate ed azioni violente, e a piegarsi sotto i colpi di una potenza, l’Isis, che aggredisce il Vecchio continente sconvolgendone non solo la quotidianità, ma anche il commercio, il turismo e l’economia in generale. È necessario, dunque, dare una risposta decisa al problema del fondamentalismo islamico. Jet inglesi sono già stati lanciati all’esplorazione del territorio siriano lo scorso giovedì 26 novembre, mentre 650 soldati tedeschi sono già partiti per il Mali a sostegno dei 1500 belligeranti francesi. Ma le armi basteranno davvero a risolvere la crisi d’identità culturale europea che ha fornito tante braccia criminali al fantasma Isis?


Anna Rita Santabarbara
(4 dicembre 2015)



Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.