Ultime Notizie

Parzialmente stremate: uno spettacolo tutto al femminile

È in scena dal 3 al 20 dicembre al Teatro della Cometa di Roma lo spettacolo teatrale Parzialmente stremate, scritto da Giulia Ricciardi, per la regia di Michele La Ginestra, con protagoniste Beatrice Fazi, Giulia Ricciardi, Federica Cifola e Barbara Begala. Lo spettacolo è andato in scena anche lo scorso anno al Teatro Sette con grande successo.


Parzialmente stremate è la storia di quattro amiche con la sindrome di Campanellino, amiche che si confrontano e tirano fuori le loro debolezze in una commedia gradevolissima. Le quattro amiche (Mirella, Marisa, Elvira e Silvana) si trovano a condividere un momento di grande importanza per la vita di una di loro, ovvero il giorno del matrimonio; la cerimonia però salta per colpa della ragazza che non si presenta all’altare per sposare il compagno Amedeo con il quale convive da anni; a ciò si aggiunge lo stress accumulato dalla sposa e dalle amiche nel corso degli anni e che porta a un duro faccia a faccia delle quattro, pronte a dirsi tutto quello che non si erano mai dette.


La commedia, una storia al femminile molto interessante dove tutte le donne potranno riconoscersi in almeno una delle protagoniste, ha il suo fulcro nelle difficoltà che le donne incontrano quando devono assumersi delle responsabilità, un tema che coinvolge tutte le donne e che viene ben argomentato in questa commedia. La protagonista Mirella, interpretata da Giulia Ricciardi, è una donna che si pone mille domande sul suo futuro e sulla necessità del matrimonio, e si domanda come mai il suo amato Amedeo non si preoccupa del fatto che lei non si sia presentata all’altare; si tratta di un punto davvero divertente dello spettacolo che affronta temi seri con leggerezza e attenzione.


Le altre tre amiche “parzialmente stremate” sono: Marisa, mamma e moglie insoddisfatta, divorata dalle responsabilità, un personaggio ingenuo e sempre pronto ad ascoltare gli altri; Silvana, dispensatrice di buoni consigli, che lei stessa però non riesce a seguire, emette giudizi su tutto e tutti e spiega così il suo avvicinamento alla fede; Elvira, donna in carriera apparentemente appagata che in realtà è inacidita dalla dura realtà della sua solitudine sentimentale. Le quattro amiche si parlano fuori dai denti, criticano i reciproci comportamenti, litigano sulle scelte fatte e tutte celano una grande insoddisfazione chi per un motivo chi per l’altro, ma continuano a sognare e a sperare che un qualcosa di bello possa loro capitare.


Intervallato da stacchetti musicali con brani come Perdono, Cara, E la luna bussò, Pregherei e Non gioco più, lo spettacolo è pieno di ironia e verità ed è interpretato benissimo dal quartetto di attrici tutte bravissime. La regia di Michele La Ginestra dà quel tocco di inventiva indispensabile.


(8 dicembre 2015)



Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.