Ultime Notizie

Solidarietà, legalità… e prediche

La settimana scorsa, dai poli all’equatore, si è manifestato in occasione della giornata contro la violenza sulle donne (25 novembre), la drammaticità del problema è stata coreograficamente esposta nella manifestazione di Valladolid (Spagna) dove la piazza principale è stata tappezzata di scarpe di donna color rosso sangue.
Le Nazioni Unite che hanno promosso l’iniziativa hanno divulgato un rapporto secondo il quale ben il 35% delle donne di tutto il mondo è stata vittima di violenze fisiche almeno una volta nella vita; ultimo fattaccio in ordine di tempo quello di un agente di commercio di Perugia che a fucilate ha tolto la vita alla consorte al termine di una lite.


A margine di tale ricorrenza si è tenuto un altro evento del genere a Ravenna, questo però in ambito “Legalità”, iniziativa presso la sede di una organizzazione di categoria e volta a denunciare un altro genere di violenza, ossia quella che l’illegalità ed i fenomeni criminali arrecano alle imprese del commercio, del turismo, dei servizi, dei trasporti, della piccola e media impresa in generale e loro dipendenti.
Poco a che vedere coi drammi personali che le statistiche informano, ossia che in Italia ogni sette minuti un uomo stupra o tenta di stuprare una donna o quella secondo cui ogni tre giorni nel nostro Paese un uomo uccide una donna, la solidarietà che si è manifestata nell’incontro ravennate alle vittime di furti, rapine, abusivismo e contraffazione non è stata fuori luogo.
Anche qui i dati snocciolati dalla “predica” dei relatori in ambito Legalità sono impressionanti, due aziende su tre si ritengono danneggiate e per oltre l’80% delle imprese la concorrenza sleale è in crescita; alcune categorie, quali tabaccai, benzinai ed orafi, sono gravati dalla crescente attività predatoria della criminalità (furti e rapine) contro la quale sembra non esserci rimedio e che porta a sempre maggiori spese per servizi di sorveglianza e rinunce all’assunzione di nuovi addetti con conseguenze negative sull’economia reale.


Gli interventi con collegamento in diretta streaming con la sede nazionale di categoria di Roma ha dato rilevanza all’evento e le “prediche” del ministro dell’Interno Angelino Alfano e del ministro della Giustizia Andrea Orlando hanno di fatto confermato l’attenzione (ma non la soluzione) al problema “Legalità” da parte degli organi competenti dello Stato.
Affianco a me i liceali del Classico (indirizzo umanistico) e Commerciale (indirizzo turistico) che non proprio interessati alle chiacchere “governative” degli illustri relatori hanno preferito continuare a chattare per i fatti loro, d’altronde le prediche non han mai sedotto nessun teenager e l’esempio dato dai loro compagni maggiorenni è emblematico; IPR Marketing infatti fotografa le recentissime intenzioni di voto dei diciottenni, ossia astensionismo al 55% e prima forza politica nel Movimento 5 Stelle, stimato inoltre al 37% nella fascia d’età tra i 18 e i 24 anni. A seguire il Pd, malgrado la recente misura “elettorale” renziana inerente lo stanziamento di trecento milioni di euro a favore dei ragazzi che nel 2016 diventeranno maggiorenni, in pratica 500 euro da spendere in consumi culturali che, considerato l’interesse per la politica che nutrono, servirà a poco o nulla.


Adolescenti, giovani, adulti e vecchi frequentano ormai gli stessi luoghi fisici e virtuali, dalla palestra ai social network ed usano quasi lo stesso linguaggio e riferimenti; la politica invece no, le inutili prediche e gli esempi maldestri la fanno restare al “passo precedente”, un regresso incapace di farsi accettare.


(1° dicembre 2015)


Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.