Ultime Notizie

Tutto può succedere su Rai Uno dal 27 dicembre

Arriva su Rai Uno Tutto può succedere, una nuova fiction di genere “family” molto apprezzato negli ultimi anni dagli spettatori italiani. Tutto può succedere è una lunga serialità prodotta da Cattleya che racconta la storia dei Ferraro, una famiglia “normale”, se mai si possa dare una precisa definizione a questo termine, alle prese con gioie e dolori ma senza melodrammi o vicende romanzesche.


La novità della serie in onda dal 27 dicembre per 13 serate (sono 26 episodi di 50 minuti ognuno) è lo sguardo realistico sulla realtà attuale senza giri di parole né buonismi inutili. Basata sulla serie americana Parenthood, la storia si allontana dalla retorica dei sentimenti e dei rapporti umani per concentrarsi sui piccoli ma veri gesti quotidiani fatti di comprensione e anche di scontri tra genitori e figli di questa famiglia composta da quattro figli: Alessandro (Pietro Sermonti), Sara (Maya Sansa), Giulia (Ana Caterina Morariu) e Carlo (Alessandro Tiberi). Nelle loro vite non mancano sorprese e colpi di scena, ma quello che resta costante è il senso di fratellanza tra i quattro fratelli, il loro senso di comunanza e di connessione. Quello che viene messo in evidenza è la presenza amorevole dei genitori, fatta di consigli e di comprensione, cosa difficilissima da trovare in quest’epoca di silenzio e incomprensioni in famiglia. Nella serie i genitori sono interpretati da due bravissimi attori, Licia Maglietta (Emma) e Giorgio Colangeli (Ettore); i due radunano sempre i loro quattro figli nell’accogliente casa con giardino alle porte di Roma dove la famiglia riunita si misura con l’educazione dei figli, le separazioni, il lavoro, le malattie, l’uso delle droghe leggere. Tutti questi argomenti sono trattati sfondando il muro dell’ovvio e del banale. Tutto può succedere non è una fiaba, è uno sguardo sincero e pieno di buoni propositi sulla vita quotidiana che riguarda tutti. La colonna sonora, una chicca scritta appositamente per la serie da Giuliano Sangiorgi e dal compositore siciliano Paolo Buonvino, è eseguita dai Negramaro; all’interno delle puntate c’è un altro brano originale intitolato Pinzipo ed è interpretato da Raphael Gualazzi.

(23 dicembre 2015)


Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.