Ultime Notizie

Allarme inquinamento: come evitare i problemi di salute dovuti allo smog

Dopo le piogge dei primi giorni dell'anno, l'Italia sembra aver trovato un po' di sollievo dalla cappa di smog che da due mesi ha investito le città con maggiore densità di popolazione. La soglia di inquinamento è finalmente tornata al di sotto dei livelli massimi di allerta, tuttavia il lungo periodo di stazionamento di alta pressione sulla penisola ha contribuito ad accentuare il ristagno delle sostanze nocive nell'aria. Ciò ha determinato un significativo aumento dei disturbi respiratori rispetto al passato, soprattutto con riguardo alle fasce più cagionevoli quali bambini e anziani.


Studi medici condotti nei Paesi del nord Europa, principalmente in Svezia, in collaborazione con alcune università italiane, tra le altre Verona e Pisa, avrebbero registrato che, all'interno di nuclei famigliari che vivono in aree urbane, il numero di soggetti allergici, affetti da rinite e sinusite, nonché da emicrania, sarebbe addirittura raddoppiato rispetto alla metà degli anni ‘80.
Quello che non tutti sanno è che patologie di questo tipo possono, lentamente e nei casi più gravi, portare anche alla morte, come evidenziato dalla Agenzia europea dell'ambiente (AEA), secondo la quale, in Italia, le vittime da inquinamento sarebbero circa 84.400. È bene dunque evitare il contatto prolungato con gli agenti inquinanti usando dei piccoli accorgimenti, vediamo insieme quali.
Se si hanno figli piccoli, è meglio portarli fuori nelle ore e nelle zone meno trafficate trasportandoli in marsupi o zaini, se sono infanti, o in passeggini alti, se hanno già qualche mese, in modo da evitare lo scarico dei tubi di scappamento delle macchine e le polveri sottili che, normalmente, circolano rasoterra.


Chi pratica sport all'aria aperta dovrebbe scegliere zone suburbane e giornate nuvolose o uggiose, perché la concentrazione di smog è più bassa quando il tempo è brutto. Inoltre, un’alimentazione sana e ricca di prodotti con proprietà antiossidanti, fibre e vitamine (frutta e verdura) aiuta a combattere i possibili effetti conseguenti l'esposizione costante agli agenti inquinanti. Anche la pelle risente dell'azione di questi ultimi poiché spesso le polveri trasportano particelle di metalli che si depositano nei mitocondri e producono radicali liberi e metalloproteasi, enzimi che causano l'invecchiamento precoce della pelle. Va da sé che nelle città da bollino rosso dello smog sciarpa, guanti e mascherina sono d'obbligo. Infine, per mantenere pulite le vie respiratorie, si consiglia di ripetere quotidianamente dei lavaggi nasali con la soluzione fisiologica.


(7 gennaio 2016)



Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.