Ultime Notizie

Bologna e i cubi della discordia

Da alcune settimane i passanti di piazza della Mercanzia possono notare la presenza di alcune strutture a forma di cubo e parallelepipedo.
 La novità è stata accolta in maniera differente dai cittadini bolognesi. C'è chi lamenta la disarmonia tra lo stile gotico della loggia e del palazzo della Mercanzia costruito da Lorenzo da Bagnomarino e Antonio di Vincenzo tra il 1382 e il 1391 e le linee moderne quasi minimaliste dei cubi.


Il nuovo assetto della piazza offre un posto di sosta e ristoro per chiunque ne senta la necessità, evitando di creare le folle, per lo più di giovanissimi, che fino a qualche tempo fa si radunavano sotto la loggia. È indubbio che nessuna città dalla lunga storia possa mantenere un'unica identità culturale senza aprirsi alle novità che la società gli offre.


L'episodio non è isolato per la nostra nazione: lo scorso settembre Pluto and Proserpina di Jeff Koons fu accolta con critiche per la sua collocazione nei pressi di Palazzo Vecchio. Il dibattito nato di conseguenza lamentava la creazione di un elemento di disturbo rispetto all'armonia della piazza. Gli autori delle critiche dimenticano il valore di un artista come Jeff Koons e l'importanza per noi italiani di non dimenticare mai il nostro passato che ci ha donato un'enorme patrimonio artistico ma che deve continuare a crescere con l'apertura verso il nuovo.


Alessia Del Fiore
(10 gennaio 2016)
  

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.