Il discorso di Obama sullo stato dell'Unione - Prima Pagina on line

Prima Pagina on line

L'informazione come unico grande bisogno

Post Top Ad

Il discorso di Obama sullo stato dell'Unione

Share This
Il presidente degli Stati Uniti d'America Obama ha tenuto a Washington il tradizionale discorso sullo stato dell'Unione: il discorso di quest'anno è stato un vero e proprio bilancio di tutte le cose fatte e non fatte in questi sette anni di presidenza. Il Presidente ha voluto fare un bilancio degli obiettivi raggiunti e di quelli secondo lui ancora da raggiungere e non ha risparmiato critiche all'opposizione repubblicana, accusata di avergli messo i bastoni tra le ruote solo per interesse di partito e di non guardare il bene comune.


Obama ha cominciato il suo discorso con una frase forte, adatta a scuotere gli animi dei presenti e a sensibilizzare l'opinione pubblica sui crescenti episodi di razzismo e intolleranza: “Quando i politici insultano i musulmani, che siano stranieri o concittadini, e il giorno dopo vengono devastate moschee e oltraggiati i bambini, questo non ci rende più sicuri”. Questa frase è sembrata una stoccata al repubblicano Donald Trump, che ha fatto dei sentimenti di diffidenza e paura nei confronti degli stranieri il cavallo di battaglia della sua compagna elettorale nella corsa che potrebbe portarlo alla Casa Bianca.


Il Presidente ha richiamato tutti i politici di entrambi gli schieramenti all'unità e ad andare oltre le divisioni di partito; solo restando uniti è possibile fare fronte alle sfide che il mondo contemporaneo ci mette di fronte.
“Continuerò a lavorare e a fare pressioni”, ha aggiunto Obama, “per tutto quello che non siamo ancora riusciti a fare: correggere il sistema dell'immigrazione, proteggere i nostri ragazzi dalla violenza e dalle armi facili, dare gli stessi stipendi e gli giorni di ferie a parità di lavoro, alzare i salari minimi. Tutte queste cose sono davvero importanti per le famiglie che si impegnano e lavorano sodo ogni giorno”.


La lotta al terrorismo è stata uno dei punti più importanti dell'intervento di Obama; gli Stati Uniti continueranno il loro impegno per sconfiggere definitivamente l'ISIS e manterranno il loro ruolo di prima potenza mondiale.


(14 gennaio 2016)



Post Bottom Ad

Pagine