Ultime Notizie

iPhone 7, via il jack per le cuffie? È subito polemica sul web

“Apple è in procinto di fregare i suoi clienti. Di nuovo”: così recita lo slogan di una petizione lanciata in questi giorni sul sito di campagne online, SumOfUs, contro la decisione della compagnia di Cupertino di abolire il tradizionale jack per le cuffie nel prossimo iPhone 7. A lanciare il grido di protesta sono circa 227.000 utenti che si dicono indignati di fronte ad una presa di posizione che “non solo forzerà i consumatori a comprare nuove cuffie ma creerà montagne di spazzatura elettronica che non potrà essere riciclata”.


Stando alle prime indiscrezioni, il nuovissimo iPhone 7 dovrebbe essere lanciato sul mercato il prossimo autunno 2016, probabilmente già a settembre, ad un prezzo di 800€ per la versione classica e di 1000 € per la versione Plus. La sfida di Apple sarà quella di ottenere un apparecchio molto più sottile e leggero delle precedenti versioni e, per farlo, pare che gli ingegneri stiano lavorando a due rivoluzionarie innovazioni: la soppressione del jack da 3.5 mm per le cuffie e del tasto Home fisico. Il display ricoprirà, dunque, l’intera superficie di iPhone 7, mentre le tipiche cuffiette a cui per tanti anni siamo stati abituati spariranno a favore di auricolari Bluetooth completamente senza fili. Non solo, ma pare che si stia lavorando anche per migliorare la qualità delle immagini, sostituendo lo schermo LCD con uno OLED. 


Una bella sfida, non c’è che dire, quella della compagnia di Cupertino, malvista, tuttavia, da molti utenti. Secondo i più scettici, infatti, l’eliminazione del jack audio da parte della casa americana verrà immediatamente imitato anche da altre compagnie, costringendo, di conseguenza, i consumatori a rottamare le vecchie cuffie per comprarne delle nuove, mettendo in moto un meccanismo economico che andrebbe unicamente a vantaggio dei produttori. Non solo. La petizione insiste soprattutto sul negativo impatto ambientale che avrà una decisione del genere, portando tutti a gettare via i vecchi auricolari che finirebbero, così, ad ammassarsi al quantitativo già cospicuo di spazzatura elettronica che non può essere riciclata e che non sempre viene smaltita secondo le procedure di legge. 


Apple si difende dalle accuse sostenendo che tale innovazione andrebbe unicamente a vantaggio dei consumatori in quanto è finalizzata ad ottenere un miglioramento della qualità audio sia in fase di chiamata (nelle cuffie) sia di ascolto (negli speaker integrati). “Diciamo ad Apple di rispettare i suoi clienti ed il nostro pianeta. Manteniamo il tradizionale jack per le cuffie”, è la risposta per niente conciliante del popolo del web. Insomma, un bel dibattito si apre intorno alla necessità di combinare lo sviluppo tecnologico con il rispetto per l’ambiente ed una questione quanto mai attuale viene sollevata: fino a che punto siamo disposti ad anteporre una tecnologia fredda ed effimera ai nostri bisogni più umani e naturali?


Anna Rita Santabarbara
(11 gennaio 2016)

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.