La grande bruttezza: il caso delle statue coperte - Prima Pagina on line

Prima Pagina on line

L'informazione come unico grande bisogno

Post Top Ad

La grande bruttezza: il caso delle statue coperte

Share This
In occasione dell'incontro avvenuto lunedì 25 gennaio a Roma tra il presidente del consiglio Matteo Renzi ed il presidente iraniano Hassan Rouhani, si è giunti alla discussa decisione di coprire alcune statue dei Musei capitolini rappresentanti nudi. Il provvedimento ha mosso l'opinione pubblica e il mondo del giornalismo.


Le critiche lamentano la disparità di atteggiamento in occasioni pubbliche: le donne ministro in viaggio in Paesi musulmani indossano il velo per rispettare le usanze locali mentre noi rinneghiamo le nostre nascondendole sotto veli bianchi.
Le nostre opere d'arte da sempre fonte di vanto e chiara dimostrazione di uno splendore artistico che da sempre ci caratterizza e ci contraddistingue, dovrebbero essere, al contrario, esaltate in occasioni del genere.


Milioni di stranieri ogni anno affollano le nostre città d'arte per godere di una bellezza che per noi è così quotidiana da non darle più l'importanza che meriterebbe. Coprire quelle statue è stato un atto di zelo e cura nei confronti di un’autorità ospite ma anche un atto di autonegazione della nostra identità culturale e nazionale.


Alessia Del Fiore
(27 gennaio 2016)



Post Bottom Ad

Pagine