L'utopia come antidoto alle paure più angoscianti - Prima Pagina on line

Prima Pagina on line

L'informazione come unico grande bisogno

Post Top Ad

L'utopia come antidoto alle paure più angoscianti

Share This
Crisi di valori, crisi di ideali, crisi culturale e sociale, crisi di identità e di appartenenza a un tutto o a una parte. Forse i tempi che stiamo vivendo, dopotutto, hanno una loro eccezionalità, quasi qualcosa di straordinario che dovrebbe costringere tutti a capire che le risposte da dare a tutte le nostre domande e ai nostri dubbi devono essere straordinarie e piene di eccezionalità. Perciò questo particolare momento storico ci "sprona" di per sé a non aver paura dell’utopia: non dobbiamo aver paura di immaginare risposte straordinarie alla crisi che stiamo attraversando.


Quando diciamo, spesso, che nulla sarà più come prima dobbiamo intendere questo: non possiamo più rinvangare le vecchie proposte, i vecchi modelli; perciò occorre pensare, occorre, in particolare, che i Paesi occidentali pensino ad un nuovo ordine mondiale, senza falsa retorica o modelli e strutture di genere, di cui facciano parte, organicamente da protagonisti, tutti coloro che sono stati esclusi finora da ogni processo decisionale sull'ordine mondiale. In primis i Paesi del terzo Mondo.
Quindi non è irrealistico ripensare il concetto di utopia così caro ai filosofi dell'Occidente a partire da Platone fino alle utopie politiche e radicali del Novecento. La straordinarietà dei tempi attuali chiama l'Occidente e l'intero mondo a ripensare e a ripensarsi nel presente e per un futuro possibile e sostenibile, e occorre farlo tutti insieme: nazioni sviluppate e sottosviluppate perché, in fondo, è il meccanismo di sviluppo ad excludendum dei Paesi ricchi nei riguardi di quelli più poveri e arretrati che sembra generare delle forti contraddizioni, fra queste, in primo luogo, un terrorismo globale pericoloso e distruttivo che non serve di certo la causa del progresso, dell'emancipazione in ogni suo aspetto, del miglioramento sociale e umano in ogni sua componente.
L'era delle grandi utopie politiche e sociali è tramontata? È finita? Morta? Facciamola risorgere con il minimo impegno di tutti proprio per la straordinarietà dei tempi. Impariamo di nuovo a costruire visioni grandiose che vadano sempre al di là della realtà quotidiana e della chiusura mentale la quale caratterizza l'occhio "dalla vista annebbiata e opaca". Immaginiamo, innalzandoci al di sopra del contingente e del banale, un mondo vasto che contiene dentro di sé un'infinità di mondi possibili e anche reali: la pluralità delle culture, la pacifica convivenza tra i popoli, le etnie, le minoranze di ogni tipo. Diamo forza e parola all'utopia che trasforma e riscatta, rende uguali e fa felici, pratica la solidarietà e l'amore, il riconoscimento e il diritto ad esistere e a vivere.


Un sogno impossibile? L'utopia non si è mai realizzata nel momento storico propizio, eppure ha contribuito a liberare e a far prendere coscienza delle cose, a contrastare lo strapotere di un gruppo, di una classe sociale, di una razza, di un'ideologia egemoni. Secoli o addirittura millenni di storia ce lo confermano con le rivolte, le rivoluzioni, i cambiamenti epocali avvenuti ciò malgrado e nonostante tutto. Quindi l'utopia è ancora e sempre possibile, necessaria per i popoli, le culture, i singoli uomini, l'intera civiltà umana oggi, più che mai, come antidoto alle paure più angoscianti che ci attanagliano nella loro stretta mortale e al loro enorme potere di distruzione.


Francesca Rita Rombolà
(31 gennaio 2016)



Post Bottom Ad

Pagine