Ultime Notizie

Prima domenica del mese: boom di turisti a Capodimonte

Boom di visite ieri, 3 gennaio 2016, al Museo nazionale di Capodimonte a Napoli. In occasione dell’ingresso gratuito per la prima domenica del mese, moltissimi napoletani e campani, oltre ad un buon numero di turisti stranieri, hanno affollato le sale della famosa reggia per osservare ed ammirare i preziosi dipinti esposti alle pareti. Da Tiziano a Caravaggio, Raffaello, Ludovico Carracci, Simone Martini, Colantonio, Luca Giordano, Bruegel il Vecchio e molti altri ancora. Un panorama della pittura italiana e napoletana invidiabile, alla portata di tutti.


La famosa reggia ha dimostrato ieri, con l’alto numero di visitatori registrato, di essere non solo una perla preziosa per il turismo partenopeo, ma anche di poter competere con i più importanti musei internazionali. Si, perché lo storico palazzo, ubicato sull’omonima collina, offre, oltre a preziose opere d’arte, un panorama mozzafiato che abbraccia l’intera città ed il suo golfo, presentandosi come un piccolo paradiso lontano dal traffico cittadino, punto d’incontro ideale per una piacevole passeggiata all’interno del bosco oppure per i sentieri del giardino che circonda la reggia.


Il nuovo direttore Sylvain Bellenger si è detto entusiasta del successo riscontrato ed è stato pronto ad accogliere in prima persona i turisti, assieme alla sua squadra, mentre il suo collaboratore Carmine Romano, storico dell’arte, ha dilettato i visitatori fornendo informazioni e curiosità sul presepe donato dalla famiglia Catello al museo. Solitamente chiuse al pubblico, sono state aperte la galleria dell’800, che contiene i più bei capolavori della pittura napoletana del tempo, e la sezione Armeria, che custodisce preziose armature appartenute alla famiglia Farnese e Borbone e forgiate dai più importanti armaioli dell’epoca. Alle 11.30 un percorso guidato e completamente gratuito sull’iconografia della Natività e dell’Epifania, curato da Lorella Starita, ha condotto i turisti a scoprire la tradizione del presepe, mentre le melodie degli zampognari del gruppo “Ancia Libera” hanno diffuso le loro note riscaldando i cuori dei visitatori assorti. Alle 16.30, infine, il coro Vandalia, diretto da Lucio Lo Gatto, ha intrattenuto gli ospiti chiudendo in bellezza e dolcezza una giornata tanto ricca di eventi ed attività.


Un museo che concepisca “l’arte come piacere ludico” e che “metta il visitatore al centro”, ecco l’idea del nuovo direttore, Sylvain Bellenger, che ha voluto incontrare i visitatori per conoscerne e comprenderne le impressioni, i desideri e le esigenze. Andare incontro alle aspettative dello spettatore per capire in che modo è possibile migliorare la fruizione dell’arte. Ecco l’ambizioso progetto che si propone Capodimonte per il 2016, partendo, come ha già annunciato il direttore, dall’abbattimento dei barbacani, grossi blocchi di cemento costruiti per sopperire al cedimento delle mura di cinta del bosco, che hanno sollevato polemiche e proteste tra i cittadini indignati sia per il terribile impatto estetico che per i problemi logistici causati alla circolazione delle automobili e dovuti al restringimento della carreggiata.
Simbolo, dunque, di un’Italia che rifiuta di soccombere sotto il peso della schiacciante crisi culturale, oltre che economica, Capodimonte ha dato ieri un segnale positivo di rinascita all’insegna dello spirito d’iniziativa e collaborazione che da sempre hanno caratterizzato l’animo degli italiani.


Anna Rita Santabarbara
(4 gennaio 2016)



Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.