Ultime Notizie

Hollande concede la grazia a Jacqueline Sauvage

È di questi giorni la notizia della donna francese di 66 anni, Jacqueline Sauvage, che ha ottenuto la grazia dal presidente Hollande dopo aver ucciso a fucilate il marito. Da notare che la donna e le sue figlie hanno subito violenze, sessuali e non, da parte della vittima per 47 anni. Da notare poi, ancora, che il giorno prima dell'omicidio il figlio della donna si era ucciso. La donna è stata condannata a 10 anni di reclusione e la grazia le ha attualmente concesso la possibilità di presentare domanda per la libertà condizionata.


La grazia sottolinea l'unicità del caso. È l'occhio umano che si sostituisce all'imparzialità del giudizio. Ma al di là del fatto in sé e della richiesta di revisione del concetto di "legittima difesa" presentata in modo bipartisan dai parlamentari francesi, rimane piuttosto controverso il modo in cui è stata presentata vicenda. La petizione per la grazia a cui hanno aderito circa 400 mila persone riporta: "Questo giudizio non prende in alcun modo in conto la sofferenza [...] che questa donna e i suoi figli hanno sopportato, [...] e che la società intera è responsabile e complice di questo dramma [...]". 


C'è stato un omicidio. Non si può scaricare la responsabilità sulla società. Non si può giustificare l'atto della donna con le violenze subite. Anche se quelle violenze l'hanno portata a premere il grilletto; i giudici non possono usarle come scuse. L'individuo può farlo, lo Stato no. La grazia è lecita, anche giusta, ma non bisogna confondere l'eccezionalità di un caso con la legge. Se davvero i giudici avessero emesso una sentenza diversa, avrebbero creato un precedente che, di fatto, legalizzava l'omicidio. Per quanto le circostanze ci siano contro, siamo padroni delle nostre azioni. Per quanto possiamo agire nel giusto, dobbiamo sempre tenere conto delle nostre responsabilità verso la società in cui viviamo. Forse è banale ripeterlo una volta in più, ma la legge è (o dovrebbe essere) uguale per tutti. 

Cosimo Monari
(2 febbraio 2016)

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.