Ultime Notizie

Il caso Spotlight: un film a cui dare una possibilità

Il caso Spotlight (domani 18 febbraio nelle sale italiane, ndr) racconta la storia del gruppo di giornalisti investigativi del Boston Globe, soprannominato Spotlight, che nel 2001, sotto incarico del neodirettore del giornale Marty Baron, avvia un’indagine sulla notizia di cronaca relativa a un prete locale accusato di aver abusato sessualmente di giovani parrocchiani nel corso degli anni. 


Consapevoli dei rischi a cui vanno incontro, il caporedattore Walter “Robby” Robinson, i cronisti Sacha Pfeiffer e Mike Rezendes e lo specialista in ricerche informatiche Matt Carroll cominciano a indagare sul caso. Con l’avanzare delle indagini emerge con sempre maggiore evidenza che l’insabbiamento dei casi di abuso è sistematico e che il fenomeno è molto più grave ed esteso di quanto si potesse immaginare.


Per la regia di Tom McCarthy, Il caso Spotlight è un film tratto da una storia vera, negli USA è stato vietato ai minori di 17 anni non accompagnati da adulti per il linguaggio e i riferimenti sessuali espliciti, la pellicola però non è mai volgare, anzi, è sempre elegante e sobria nel raccontare quelli che sono i fatti, essendo al di sopra delle parti.
Una sceneggiatura quasi impeccabile, 128 minuti di narrazione mai noiosa; nonostante la pellicola si prenda i suoi tempi nel raccontare la storia, il film si presta alla storia e si adatta ad essa, e questo fa sì che il risultato finale sia una sceneggiatura coinvolgente e appassionante.


Una figura fondamentale nella trama è il direttore del giornale Marty Baron che pur comparendo relativamente poco sullo schermo, risulta il motore di tutto, bravissimo l’attore Liev Schrieber che riesce ad essere carismatico e credibilissimo nonostante il suo personaggio non sia particolarmente loquace. Bravissimi anche tutti gli altri attori ma una citazione particolare per Mark Ruffalo che, nei panni di Mike Rezendes, ci regala un’interpretazione formidabile.
Diversi i premi già vinti e sei le candidature agli Oscar 2016, tra cui miglior Film e miglior Regia. Un capolavoro? Forse no, ma è un film da vedere assolutamente e a cui dare una possibilità perché è sicuramente tra i migliori usciti nello scorso anno.


Fausto Orrù


Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.