Ultime Notizie

Oscar 2016: Tante conferme e poche sorprese


Si è tenuta al Dolby Theatre di Los Angeles l’88esima edizione della cerimonia degli Oscar. Molti dei favoriti si sono confermati anche durante la premiazione, non sono mancate però alcune sorprese e ribaltoni in categorie che parevano avere un vincitore già annunciato.


Incetta di premi tecnici per Mad Max: Fury Road, sei per l’esattezza, pronosticabile vista la qualità a livello tecnico del film di George Miller che però risulta assente nei premi più prestigiosi. Terzo oscar consecutivo per la fotografia, prima volta nella storia in tutte le categorie, per Emmanuel Lubezki, scontato visto l’incredibile lavoro fatto in The Revenant, girato tutto con luce naturale, il risultato finale è un’opera d’arte del cinema moderno. Back to back per Iñárritu alla regia, meritatissimo, anche solo la battaglia iniziale girata tutta in piano sequenza di The Revenant avrebbe meritato un Oscar, beffato Miller che potrà comunque consolarsi viste le numerose statuette portate a casa dal suo film. Previsioni confermate alle migliori sceneggiature, e piccola sorpresa ma non troppo, come miglior film per Il caso Spotlight che in pochi, tra cui il sottoscritto, davano per favorito.


Una delle sorprese arriva dagli effetti speciali, premiato Ex Machina a discapito di molti altri film con più budget e più risonanza mediatica, si è voluto premiare il film di Alex Garland per il grande risultato ottenuto con un budget esiguo per un film di fantascienza; consigliatissimo per chi non lo avesse visto.


La più grande sorpresa della serata e delusione per i fan di Stallone, superfavorito, è arrivata per il premio come miglior attore non protagonista che è andato a Mark Rylance per l’incredibile interpretazione della spia russa Rudolf Abel ne Il ponte delle spie.
Poche sorprese per i premi di miglior attrice protagonista e non rispettivamente andati rispettivamente a Brie Larson e Alicia Vikander, meritatissimi nonostante la concorrenza fosse davvero agguerrita.
Arriviamo dunque al premio che tutti aspettavano, miglior attore protagonista… And the Oscar goes to Leonardo DiCaprio: era ora, meritato e standing ovation di tutto il Dolby Theatre quando è stato annunciato il suo nome come vincitore. L’attore, visibilmente emozionato, ringrazia tutti e si porta a casa finalmente la tanto ambita statuetta d’oro.
Chiudiamo infine con il premio per la miglior colonna sonora andato al nostro Ennio Morricone, primo Oscar per lui: sale sul palco accompagnato dagli applausi di tutti i presenti, ritira la statuetta emozionatissimo, rende omaggio agli altri candidati e infine ringrazia la moglie. Primo Oscar per Ennio per la miglior colonna sonora (dopo quello vinto alla carriera nel 2007) diventando così il più anziano vincitore di un Oscar della storia con i suoi 87 anni, orgoglio italiano.



Ecco, di seguito, tutti i vincitori:
- Miglior sceneggiatura originale: Tom McCarthy e Josh Singer – Il caso Spotlight (Spotlight)
- Miglior sceneggiatura non originale: Charles Randolph e Adam McKay – La grande scommessa (The Big Short)
- Miglior attrice non protagonista: Alicia Vikander – The Danish Girl
- Migliori costumi: Jenny Beavan – Mad Max: Fury Road
- Miglior scenografia: Colin Gibson e Lisa Thompson – Mad Max: Fury Road
- Miglior trucco e acconciatura: Lesley Vanderwalt, Elka Wardega e Damian Martin – Mad Max: Fury Road
- Miglior fotografia: Emmanuel Lubezki – Revenant – Redivivo (The Revenant)
- Miglior montaggio: Margaret Sixel – Mad Max: Fury Road
- Miglior montaggio sonoro: Mark Mangini e David White – Mad Max: Fury Road
- Miglior sonoro: Chris Jenkins, Gregg Rudloff e Ben Osmo – Mad Max: Fury Road
- Migliori effetti speciali: Mark Williams Ardington, Sara Bennett, Paul Norris e Andrew Whitehurst – Ex Machina
- Miglior cortometraggio d’animazione: Bear story
- Miglior film d’animazione: Inside Out
- Miglior attore non protagonista: Mark Rylance – Il ponte delle spie (Bridge of Spies)
- Miglior cortometraggio documentario: A Girl In The River: The Price Of Foregiveness
- Miglior documentario: Amy
- Miglior cortometraggio: Stutterer
- Il miglior film straniero: Il figlio di Saul
- Miglior colonna sonora: Ennio Morricone – The Hateful Eight
- Miglior canzone: Writing’s on the Wall (Jimmy Napes e Sam Smith) – Spectre
- Miglior regia: Alejandro González Iñárritu – Revenant – Redivivo (The Revenant)
- Miglior attrice protagonista: Brie Larson – Room
- Miglior attore protagonista: Leonardo DiCaprio – Revenant – Redivivo (The Revenant)
- Miglior film: Il caso Spotlight (Spotlight)


Fausto Orrù

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.