Ultime Notizie

E se lo Stato italiano fosse vittima di bullismo?

Esiste nel nostro Paese, come purtroppo ormai in ogni parte del mondo occidentale, una piaga sociale, odiosa e grave che, con il passare del tempo, assume contorni di una vera e proprio epidemia. Il bullismo è un sistema di prevaricazione, violenza e soprusi che rende la vita di chi lo subisce un vero inferno e che non riesce, ancora oggi, in un Paese emancipato, libero e tollerante a trovare adeguate contromisure.


Quest’atteggiamento prevaricante è senza dubbio una ferita aperta, rispecchia il dolore di tantissime persone, quasi sempre fragili e indifese, che si trovano a lottare con uomini senza cuore e con la paura delle conseguenze che porterebbe ribellarsi a questo sistema.
Il nostro Paese vive in questo periodo, riguardo ai temi di politica internazionale, le stesse paure. Da più di quattro anni due fucilieri della nostra Marina si trovano abbandonati in un limbo, fatto di ritardi, rinvii e menzogne, costruito dal governo indiano al quale nessuno è in grado di porre fine. È di questi giorni il caso di Giulio Regeni, torturato e ucciso in circostanze molto dubbie, l'unica cosa che sembra certa è il coinvolgimento del governo egiziano. Siamo sicuri che su questi due casi (e altri ancora) il nostro governo voglia la verità? E per verità intendiamo la verità sul serio, non una comoda.
Se la verità sui due Marò risultasse essere una congiura del governo di Nuova Delhi per ottenere vantaggi economici e politici dall'Italia, che risposta dovrebbe dare il nostro Paese? Chiedendo l'arresto da parte di un arbitrato internazionale di tutto il governo indiano? E davanti ad un rifiuto, dovremmo imporre misure economiche restrittive? Altrimenti cosa fare, dichiarare guerra?


E se si evidenziasse senza dubbio alcuno il coinvolgimento del governo egiziano nel caso di Giulio Regeni, come dovremmo comportarci? Rimpatriare i loro cittadini o forse dichiarare guerra ad un Paese che ha barbaramente ucciso un nostro concittadino?
No, non credo che il nostro governo voglia la verità, tutto sarebbe troppo difficile da gestire.


Gabriele Rossi

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.