Ultime Notizie

La maternità surrogata e i figli del presente

Nichi Vendola e il suo compagno Eddy Testa hanno avuto un figlio. Questo fatto ha immediatamente scatenato le solite reazioni di pancia da tutto il mondo politico-populista; da "figlio di una bellissima storia d'amore" a "disgustoso egoismo", passando per tutte le varianti vomitate dall'insensato ragionare del sensazionalismo. Se poi pensiamo che è di questi giorni il ridicolo tira e molla politico della legge Cirinnà, è chiaro come questo fatto non faccia altro che trincerare ciascuna fazione sulla propria posizione.


Ma se ritengo grottesco e ridicolo chi si attacca ai concetti di "normalità" e "natura" per far valere la propria opinione retrograda, c'è un fatto che mi fa pensare che l'egoismo sbandierato da Salvini non sia poi così fuori luogo (anche se per cause completamente differenti). Nel 2014, secondo l'Istat, la vita media di un uomo in Italia si aggirava attorno ai 79 anni. Al di là della differenza d'età tra Vendola e il suo compagno – più di vent'anni – c'è un fatto che salta agli occhi, cioè che il politico di Sel oggi ha 57 anni. Questo vuol dire che suo figlio, statisticamente, quando avrà 22 anni rimarrà orfano.


Qui non c'entra l'omosessualità, qui si tratta di un individuo (come molti altri, del resto...) che sacrifica la prospettiva di un futuro nel nome del proprio desiderio personale di paternità. Abbiamo dei limiti biologici e, per quanto amore possiamo dare ai nostri figli, non dobbiamo dimenticare che c'è un mostro che l'ha sempre vinta su ogni nostra buona intenzione: la vecchiaia. Se la probabilità di essere colpiti da malattie debilitanti e mortali si alza passata la soglia della maturità, questo vuol dire che un neonato figlio di un quasi sessantenne, nella sua adolescenza dovrà verosimilmente (si parla SEMPRE di una questione statistica, l'unica su cui possiamo costruire prospettive ragionevoli sul futuro) affrontare la malattia di un genitore. E per lui non sarà certo la più piacevole delle prospettive.
Se i nostri figli sono davvero il futuro, perché continuiamo ad usarli come strumenti per riconoscere noi stessi nel presente?


Cosimo Monari

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.