Mangiare di notte favorisce l’aumento del peso - Prima Pagina on line

Prima Pagina on line

L'informazione come unico grande bisogno

Post Top Ad

Mangiare di notte favorisce l’aumento del peso

Share This
Avete mai sentito che mangiare di notte equivale a mettere su peso più facilmente? Io sì e anche spesso, sebbene prima d’oggi non me ne fossi mai chiesta il motivo. Nonostante questo, quando a mezzanotte mi sveglio innervosita da qualche sogno che, ovviamente, non riuscirò mai a decifrare finché campo, la prima cosa che faccio è fiondarmi su un pacco di biscotti o su uno di wafer alla nocciola. Naturale come respirare, insomma. Un ansiolitico naturale.


Ma perché non bisogna mangiare di notte?
Pare che il picco di melatonina si abbia tra le 22 e le 23 – o almeno così ci assicura il dottor Roberto Manfredini, professore ordinario di medicina interna e direttore della clinica Sant'Anna di Ferrara – e che quindi mangiare dopo ci faccia pagaiare contro il nostro orologio biologico, creando problemi e favorendo l’aumento del peso. Occorre, quindi, consumare la cena presto – non troppo – e essere a letto intorno alle 23 e 30, in modo che il nostro corpo sfrutti, per dormire, le nostre sostanze naturali.


Nell’intervista che ha rilasciato a www.de-gustare.it, l’esperto ci mette in guardia dai cibi che potrebbero farci dormire peggio. Chi mangia carne per evitare i carboidrati a cena fa male, in quanto le proteine la sera, fungendo come sostanze eccitanti, evitano che il sonno faccia il suo naturale capolino. Un bel piatto di pasta, assicura, è ipnoinducente. Le funzioni vitali hanno tutte un ritmo e, studiosi come il dottor Manfredini, si propongono di spiegarci il loro funzionamento.




Post Bottom Ad

Pagine