Quando la crisi migratoria diventa business - Prima Pagina on line

Prima Pagina on line

L'informazione come unico grande bisogno

Post Top Ad

Quando la crisi migratoria diventa business

Share This
Nella cittadina turca di Smirne, il quartiere centrale di Basmane è diventato da un po' di tempo il crocevia di tutti quei migranti che vogliono attraversare il Mar Egeo ed andare in Grecia, per poi organizzarsi e raggiungere la Germania ed il Nord Europa.
La maggior parte dei migranti sono siriani, ma ci sono anche tanti afghani ed iracheni che scappano dalla guerra e si trovano, durante il loro lungo viaggio, verso quella che sperano potrà essere una vita migliore a passare per il territorio turco, ed in particolare proprio per Smirne.


I piccoli commercianti locali hanno saputo approfittare della situazione ed hanno cominciato ad esporre nei loro negozi giubbotti di salvataggio, salvagente ed altri articoli che potrebbero servire a coloro che hanno intenzione di tentare la traversata nelle mani di scafisti senza scrupoli.
Visti i tempi, a molti è sembrato naturale adattarsi e cominciare un nuovo business che include tutti quei piccoli oggetti di cui chi fugge dal proprio Paese di origine potrebbe avere bisogno durante il lungo viaggio e durante la permanenza nei campi profughi che può durare mesi, e in alcuni casi anche anni.
I commercianti di Smirne stanno tastando in prima persona il polso della situazione migratoria e dicono di avere assistito negli ultimi tempi ad un calo, seppur molto leggero, delle partenze. Uno di loro, intervistato dall'emittente Euronews, ha affermato: “Nelle ultime settimane molte persone, molti siriani che erano davvero intenzionati a partire non l'hanno fatto. Sono tornati e hanno detto di non essere potuti partire perché hanno paura di rimanere bloccati a lungo in campi profughi, perché è girata la voce che la Germania non li accoglie più e perché le condizioni climatiche non lo consentono. Molti hanno detto che preferiscono aspettare l'estate”.


I dati delle Nazioni Unite dicono che solo pochi giorni fa sono arrivate sulle coste greche, provenienti dalla Turchia, oltre 1400 persone e quindi l'emergenza immigrazione continua e presumibilmente durerà ancora a lungo.




Post Bottom Ad

Pagine