Ultime Notizie

Sbagliare e non imparare: i meccanismi

Avete presente il senso di colpa che ci invade quando sbagliamo? Ricordate quel terribile morso che si annida nella pancia, mentre una sorta di grillo parlante ci ricorda che quell’errore l’abbiamo già fatto? Ma perché, se sei mesi fa siamo stati tanto male per aver mangiato la ciambella al cioccolato della nonna – piuttosto che per aver speso centinaia di euro in stivali – oggi, senza riuscire a controllarci, abbiamo ripetuto lo stesso errore? Non siamo capaci di imparare?


Be’, sì. Siamo capaci di imparare dai nostri errori… ma la tentazione è forte, troppo.
Uno studio, pubblicato su The Atlantic, ci svela perché è così facile ricadere in un tunnel già, dolorosamente, percorso. Un primo meccanismo è quello che ci porta, quando commettiamo un errore, a sentirci indulgenti verso noi stessi durante il senso di colpa. Ci perdoniamo, insomma.


Il secondo meccanismo è quello che ci induce, dopo uno sbaglio, a vagliare tutte le ipotesi mancate, come se condurre una dettagliata analisi di ciò che abbiamo fatto possa salvarci. Sfortunatamente concentrare tutte le proprie energie in pensieri di questo tipo distoglie la nostra attenzione dall’errore, e si sbaglia di nuovo.
Il terzo meccanismo è quello del “ma era buono”! A distanza di tempo ci ricordiamo più gli stimoli buoni che quelli cattivi. Il gioco vale la candela, insomma, e non importa se ci porterà un gran mal di pancia, quella famosa ciambella della nonna… quando l’abbiamo ingerita in passato il nostro palato ha gioito, e questo è l’importante.


Federica Cabras

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.