Un paese quasi perfetto: il riscatto della provincia italiana - Prima Pagina on line

Prima Pagina on line

L'informazione come unico grande bisogno

Post Top Ad

Benvenuti al Sud con Un paese quasi perfetto, l’esordio da regista di Massimo Gaudioso che dirige Silvio Orlando, Fabio Volo, Carlo Buccirosso, Miriam Leone e Nando Paone.


La vicenda si svolge a Pietramezzana, un paesello inventato arroccato sulle montagne lucane dove la chiusura della miniera che dava lavoro ai suoi abitanti ha ridotto la popolazione a 120 abitanti che ora sono disoccupati. Il sogno di Domenico Buonocore (Silvio Orlando) è quello di ridare vita al paese favorendo l’apertura di una fabbrica; a dargli una mano l’impiegato di banca Nicola (Carlo Buccirosso) e il disoccupato Michele (Nando Paone). Ma l’apertura della fabbrica ha un impedimento: per la sua apertura ci vogliono almeno 200 abitanti e l’avere un medico in servizio permanente al paese. Ma nessuno vuole trasferirsi a Pietramezzana. 


Per una coincidenza capita in paese l’opportunità di trattenere Gianluca Terragni (Fabio Volo), chirurgo plastico milanese; a questo punto Domenico mobilita tutto il paese per trattenere il medico oltre il mese previsto e fanno di tutto per assecondare i gusti di questo medico: dai gusti culinari (adora il sushi) a quelli sportivi (ama il cricket), fino a quelli femminili chiedendo alla bella Anna (Miriam leone) di avvicinarsi al medico e di prestarsi al gioco degli inganni, ma lei rifiuta di collaborare.


È questa la simpatica trama di Un paese quasi perfetto di Massimo Gaudioso, già sceneggiatore di film di successo. Il film è un po’ il remake de La grande seduzione, commedia degli equivoci del francese Jean-François Pouliot, una rivisitazione italiana di questo film sia pur adattato alla realtà italiana che, ultimamente, ama narrare al cinema la provincia come luogo dove si focalizzano tutti i problemi dell’Italia.


Il film è una gradevole commedia, anche se è l’ennesima variazione sul tema trattato in Benvenuti al Sud: tratta problemi seri, come il pregiudizio e la disoccupazione, e li racconta con toni leggeri da commedia agrodolce che ora va tanto di moda. Tra una battuta e l’altra vengono messi in risalto temi come la perdita della dignità quando non si ha lavoro e il desiderio di riscatto di territori italiani spesso dimenticati dalle istituzioni. Questa è la nota positiva del film che trasmette un bel messaggio: in un mondo di maschere sociali, per ritrovare sé stessi bisogna raggiungere uno scopo nella vita.


Post Bottom Ad

Pagine