Ultime Notizie

Disturbi psicosomatici: c’è bisogno di informazione

I disturbi psicosomatici sono meno rari di quanto si creda. E meno compresi dalla gente comune. Viene difficile, nella società odierna che si basa su materialismo ed egocentrismo, credere che una persona, per diversi motivi di carattere psicologico, possa sviluppare patologie talvolta molto gravi. Nessuno pensa che dica la verità; si inneggia alla menzogna, si condanna la bugia.



Ben il 30% delle persone che si recano dal medico di base e il 50% delle donne che si recano dal ginecologo soffre di malattie di tipo psicosomatico. Sono disturbi reali, che il paziente sente. Ora, a parte i vantaggi assicurativi, che senso avrebbe vantare determinati – spesso imbarazzanti – problemi?  Spesso queste persone affrontano terapie lunghe e costose, prima di potersi considerare guarite. Inoltre, come tutte le malattie che tendono a cronicizzarsi, più si va in là e più considerarsi usciti dal tunnel è lontano. Suzanne O'Sullivan, medico del National Hospital of Neurology and Neurosurgery di Londra, ne ha parlato alla BBC. Ha raccontato di pazienti ciechi, epilettici, paralizzati dalla vita in giù. Ha raccontato di una paziente legata al fastidio di un catetere: non riusciva più ad andare in bagno. Ha raccontato di crampi tanto forti da deformare le dita trasformandole in artigli. Spesso questo tipo di disturbi si attenuano con sedute psichiatriche o psicoterapeute, ma il percorso è lungo e complesso. E una delle cose di cui hanno bisogno questi sfortunati pazienti – che poi altra colpa non hanno se non quella di somatizzare lutti e problemi attraverso il proprio corpo – è la comprensione verso un tipo di problema poco conosciuto.

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.