Ultime Notizie

E se i pompieri appiccassero il fuoco?

Appena sessantuno anni fa sul secondo, terzo e quarto numero della nascente rivista Playboy veniva pubblicato a puntate Fahrenheit 451 che sarebbe diventato poi il capolavoro dello scrittore statunitense Ray Bradbury (scomparso quattro anni fa). Quello che un anno dopo verrà pubblicato in Italia come Gli anni della Fenice da mezzo secolo è considerato un cult per gli amanti della fantascienza distopica, cioè quel filone letterario che immagina società fittizie o comunità altamente indesiderabili o spaventose (spesso ambientata nel futuro) nelle quali alcune tendenze sociali, politiche e tecnologiche avvertite nel presente sono portate a estremi negativi.


Il protagonista del romanzo è Guy Montag che di mestiere fa il pompiere in un mondo dove gli incendi, anziché essere spenti, vengono appiccati. Montag e i suoi compagni scovano i cittadini “sovversivi” che custodiscono libri (vietati), allo scopo di bruciarli - a volte anche assieme ai proprietari riottosi - ed eliminarli definitivamente. È la legge.
L’incontro con una donna sconosciuta fa scattare in Montag la voglia per un mondo diverso da quello in cui è sempre vissuto, soffocato dal controllo di un governo totalitario e offuscato dalle tenebre della società tecnologica imperante in cui la televisione è l’unico mezzo autorizzato di comunicazione. Nel mondo di Montag i libri sono ritenuti “fucili carichi”, potenziali pericoli per la mente dell’uomo, “ami” con cui non si può “pescare” altro che l’infelicità. Annientare la cultura, condizionare il pensiero può preservare la felicità? Apparentemente sì, ma tutto ciò non fa altro che alienare l’esistenza di ciascuno che, pur credendosi felice, in realtà non lo è.


Montag inizia così a prendere coscienza di sé e del mondo che lo circonda e, grazie all’aiuto di Faber, un vecchio professore incontrato al parco parecchi anni prima, dà inizio alla propria ribellione contro il modello di società in cui vive e contro il Governo. Il protagonista comprende che il vero scopo dei militi del fuoco è evitare che il popolo, per mezzo dei libri, si crei una propria mentalità, rifletta autonomamente e non si lasci condizionare. “Sapere è potere”.
Rischiamo anche noi di fare la stessa fine?






Leggi gli articoli di “Scienza e Tecnologia” di Paolo Antonio Magrì sul blog Frittura di Paranza.




Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.