Ultime Notizie

Contro l’emicrania uno stile alimentare regolare

Ben 6 milioni di italiani soffrono di emicrania. Numeri da capogiro, insomma. 6 milioni di italiani che, giornalmente, vengono messi KO dal dolore, lancinante e ingestibile. 6 milioni di italiani che sentono il cuore pulsare nelle tempie. 6 milioni di italiani per i quali nessun rimedio ha mai funzionato. 6 milioni di italiani… fra i quali ci sono io. Quando sento un leggero dolore lo so: quella sarà una giornata impossibile, perché il male aumenterà e aumenterà – come nei peggiori film horror. 


Il libro “Mangia sano che ti passa” dei professori Jirillo (Università di Bari) e Barbanti dà dei consigli, a tal proposito, molto utili. Non tutti sanno che l’alimentazione influenza enormemente gli attacchi di emicrania. Nel tempo credenze metropolitane ci hanno fatto pensare che ci siano dei cibi particolari capaci di innescare la piaga del male alla testa ma i due studiosi smentiscono il tutto. Sono alcuni comportamenti da evitare, dicono, non occorre demonizzare questo o quel cibo.
Parliamo, ad esempio, della scarsa idratazione. Molti tendono a bere pochissimo durante la giornata. Ma cosa provoca non idratarsi in modo corretto? Questa tendenza induce squilibri elettrolitici, disfunzioni energetiche, disturbi vegetativi, fino alle modificazioni strutturali dell’encefalo. Bere almeno un litro d’acqua in più delle dosi consigliate invece pare sia un buon rimedio all’emicrania.
Un’altra abitudine da lasciarsi alle spalle per vivere più sani? L’alcool, soprattutto se come aperitivo. Vino bianco, liquori scuri (whisky e bourbon, ad esempio) e stomaco vuoto: ingredienti per scatenare gli attacchi.
Altro modo per chiedere al mal di testa di venire a farci visita è saltare i pasti.
Attenzione anche al caffè: caffeina e sostanze nervine (come quelle contenute in te e cacao), consumate in dosi consigliate, possono persino aiutare ma il loro abuso cronicizza il disturbo sopra citato.
Be’, alla fine l’alimentazione equilibrata paga sempre e su ogni cosa.  




Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.