Ultime Notizie

Room: favola del terribile

“Preparate i fazzoletti”, avrebbero dovuto scriverlo sulle locandine di Room, un trionfo emozionale come hanno detto i più. Ed è per questo motivo che lo si potrebbe considerare un dramma che gioca sporco puntando sulla lacrima facile o, peggio ancora, sulla bramosia di alcuni per il morboso. Eppure non è così. Room, fatta eccezione per la colonna sonora retorica, non è un film ruffiano.


Room racconta la storia d’amore tra una madre e suo figlio. Una storia d’amore partorita in assenza di libertà. Alcuni sostengono che la privazione dell’arbitrio abbia surrogato a “stampella emotiva”. Nel momento in cui l’arbitrio si ristabilisce, la stampella cede e Mà (il premio Oscar Brie Larson) impazzisce. Non credo che sia sufficiente psicanalizzare il personaggio principale di un film per capirne il messaggio. Penso invece che sia più interessante notare come con due pennellate di colore Lenny Abrahamson introduce il rapitore Old Nick nella stanza, il tanto che bastava per la narrazione, senza accanimenti. Lo spettatore non deve legare con Old Nick ma con Jack e con Joy. Sarebbe bello riconoscere la precisa simmetria di questa storia d’amore, dove i due si alternano nell’interpretare la figura dell’eroe. Lei gli racconta una favola dove sono entrambi protagonisti, lui l’aiuta a uscire dalla favola restando ancora i protagonisti. Per chi crede che il parallelismo tra linguaggio televisivo e linguaggio della favola non sia stato sviluppato, dovrebbe invece considerare come da una stanza con dentro la TV, Jack e Joy hanno finito per rinchiudersi in una casa con fuori la TV che li osservava e che, alla fine, ha voluto raccontare la loro storia senza più alcuna traccia di favole. Infine, come cesura tra le due parti del film, una botta di adrenalina sincera lega indissolubilmente lo spettatore a Jack (Jacob Tremblay, nove anni). Coi suoi occhi scopri la grandezza del cielo e la bellezza delle foglie secche. Con delicatezza, affronti fino alla fine del film una favola di terribile crudeltà.

Irene Frau

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.