Ultime Notizie

Ancora paura in Francia, Abballa Larossi uccide un poliziotto e la moglie sotto agli occhi del figlio

Da pochi giorni l’occidente ricomincia a tremare a causa del terrorismo. Da un lato il mondo si commuove amaramente davanti alla strage di Orlando e dall’altra faccia del west la Francia piange la morte di due poliziotti. 
A Magnanville un comune a pochissimi chilometri da Parigi, un ragazzo venticinquenne – conosciuto già alle forte dell’ordine per via dei suoi atteggiamenti estremisti – ha accoltellato la coppia barricandosi nel domicilio delle vittime. Dopo qualche ora di trattativa le teste di cuoio lo hanno freddato. 



L’uomo in questione è Abballa Larossi, appartenente a un gruppo di giovani estremisti, che aveva tentato varie volte di espatriare in Afghanistan per partecipare attivamente alle guerre di matrice islamica. Lunedì 13 giugno intorno alle 20.30, il ragazzo ha accoltellato a più riprese il poliziotto che stava tornando a casa urlando ‘Allah Akbar’. Successivamente Larossi è freddamente entrato in casa dell’agente uccidendo il medesimo e la moglie. Immediato è stato l’arrivo delle forze dell’ordine e dopo qualche ora, circa mezzanotte, è stato ucciso il terrorista e liberato il bambino di tre anni in evidente shock. 
Ancora più agghiacciante sembrerebbe il post pubblicato, da Abballa Larossi, su Facebook intorno alle 20.52, una manciata di minuti in seguito al massacro, nel quale si visualizza un video di rivendicazione. L’estremista invitava i suoi compagni ‘di partito’ a uccidere poliziotti, secondini, giornalisti e rapper dichiarando inoltre che i campionati europei di calcio 2016 saranno un cimitero. 
Stamattina l’ufficio stampa dell’Isis ha confermato il duplice omicidio. Ricordiamo che dall’inizio dell’anno più di cento persone sono state arrestate perché considerate vicine ad ambienti estremisti-islamici. 
A distanza di pochi mesi, dopo la strage di Charlie Hebdo, il paese della “liberté, égalité et fraternité” viene colpito duramente ancora una volta dallo stato islamico di Al-Baghdadi.



Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.