Ultime Notizie

Combattere lo stress con l’organizzazione

Avete presente i periodi di forte stress? Capita, talvolta, di avere così tanta roba da fare da sentire un peso sul petto, un macigno ‘sì pesante da non poter respirare. Che poi spesso non siamo capaci – non in modo obiettivo e razionale – di dare una priorità agli impegni che abbiamo. Questo crea una disorganizzazione che, a livello mentale, si traduce in dispendio d’energie inutili. Si costringe, insomma, la mente ad andare da una cosa all’altra in una battaglia che crea smarrimento, frustrazione. In questo tira e molla di concentrazione è frequente la convinzione – spesso fondata – di non riuscire a fare tutto, o almeno di non riuscire a fare tutto bene. Ed ecco lo stress, la tensione di cui soffriamo spesso, noi uomini e donne sempre di corsa. Nel nostro organismo, c’è un brusco aumento di cortisolo, in questi momenti grigi, e questo ci rende affaticati, disorientati, deconcentrati.


La prima correlazione tra disordine, ansia e aumento di peso arriva da uno studio condotto in un importante istituto di ricerca del Maryland (The National Institute of Aging). Tramite l’analisi di ben 2mila soggetti di età compresa tra i 45 e i 55 anni e prendendo in considerazione sia importanti tratti di personalità che l’indice di massa corporea è emerso che i più caotici, i più disorganizzati, avevano più probabilità di vedere il proprio peso lievitare. Chi invece della razionalità aveva fatto una religione, era peso forma nella maggioranza dei casi.
Cosa vuol dire? Che chi è poco razionale – e si fa prendere alla sprovvista dagli impegni – oltre a soffrire di stress avrà qualche chilo di troppo e sempre?
No, assolutamente. Anche perché, come ogni cosa, basta impegnarsi per “imparare” a dare una priorità alle cose. Tempo e applicazione sono gli ingredienti chiave per imparare questa tattica vincente, o almeno così ci dice la psicoterapeuta Daniela Rossi. Si tratta, nella fattispecie, di sviluppare abitudini che poi verranno naturali, automatiche. È utile l’uso di agende, lavagne o post it: in questo modo non pensiamo eccessivamente con il dubbio di stare dimenticando qualcosa. Altra regola dettata dalla dottoressa Rossi: bisogna darsi degli obiettivi, dei traguardi, in modo che le priorità si stabiliscano quasi da sole. E non importa se talvolta si deludono le aspettative di qualcuno: bisogna imparare a dire no. Anche se è difficile e anche se ci fa male: spesso è meglio fare meno ma meglio. Ultimo consiglio: non è salutare riempire tutta la giornata con gli impegni. È necessario avere degli spazi per le attività che fanno rilassare.
Cerchiamo di non farci prendere dalla frenesia, dallo stress. Per vivere una vita tranquilla, quieta, ci vuole impegno e costanza.




Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.