Ultime Notizie

Di nuovo guerra in Sud Sudan

In Sud Sudan è di nuovo guerra: i combattimenti tra esercito regolare e ribelli sono ripresi con grande intensità e migliaia di persone sono già state costrette ad abbandonare le proprie case. Nella capitale Giuba gli scontri tra le truppe regolari fedeli al presidente Salva Kiir e le milizie ribelli che rispondono al vice presidente Riek Machar sono sempre più frequenti e sanguinosi e hanno già mietuto almeno un centinaio di vittime, tra cui donne e bambini.



Da quando, il 9 luglio del 2011, il Sud Sudan ha proclamato la propria indipendenza dal Sudan i rapporti tra il Presidente ed il suo vice si sono deteriorati sempre di più fino a sfociare in quella che è ormai una guerra civile a tutti gli effetti; da allora le vittime tra i civili innocenti non hanno fatto che aumentare, così come la tensione in tutto il Paese.
Migliaia di persone sono già fuggite e si sono rifugiate nei campi e nelle case sicure che le Nazioni Unite hanno allestito per accogliere il maggior numero di persone; tanti sono anche coloro che hanno cercato riparo negli Stati vicini.


Dallo scorso agosto il conflitto sembrava stesse volgendo finalmente al termine e sembrava che le due fazioni rivali avessero trovato un accordo di unità nazionale, ma dallo scorso venerdì gli scontri nelle vicinanze del palazzo presidenziale si sono di nuovo riaccesi e si sono presto propagati in tutto il Paese. Nemmeno la cerimonia per i primi cinque anni di indipendenza del Paese è riuscita a riportare la calma e oggi si teme che ci sarà una replica della precedente guerra civile, con un altro grande spargimento di sangue.
Il Sud Sudan, e tutta l'area di continente africano che lo circonda, rimane molto instabile, con governi deboli e scontri tra fazioni rivali che aggravano ancora di più la situazione di estrema povertà già esistente.

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.