Ultime Notizie

Ucciso in Siria Al-Adnani, numero due dell'ISIS

Il capo terrorista Abu Muhammad Al-Adnani è stato molto probabilmente eliminato in un raid aereo nella zona della città di Aleppo, in Siria, mentre stava andando ad una riunione per preparare nuovi attentati.



Una figura chiave dell'ISIS
Al-Adnani era considerato il vice dell'autoproclamato Califfo Al-Baghdadi perché tra i due c'era un forte legame ed avevano fondato insieme il primo nucleo dell'ISIS circa due anni fa. Il terrorista era a capo della propaganda e del reclutamento, ma aveva anche il compito di organizzare e coordinare gli attentati dei lupi solitari che tanto sangue hanno sparso in Europa: sua è stata la regia degli attentati di Parigi e di Bruxelles, anche degli attacchi di Dacca in cui hanno perso la vita nove italiani.
Al-Adnani era un siriano di trentotto anni che aveva sposato molto presto le idee dell'islamismo più radicale e che molte volte aveva incitato i musulmani a colpire i “miscredenti e infedeli occidentali” in tutto il mondo. “Ogni mezzo è lecito per eliminare i nemici dell'Islam”, aveva detto poco tempo fa.


L'agenzia di stampa del sedicente Stato islamico, Amaq, ha dato la notizia parlando di un martire coraggioso, che si è sacrificato in nome della vera e più pura religione islamica.
Gli Stati Uniti avevano posto sulla testa del capo terrorista una taglia di cinque milioni di dollari; i portavoce del Pentagono non hanno ancora voluto confermare la notizia perché attendono conferme ufficiali dai loro inviati sul posto.
Se la notizia fosse confermata, la perdita di Adnani sarebbe un altro duro colpo per l'ISIS, già fiaccato dalle recenti sconfitte subite in Siria, Iraq e Libia. Senza la regia di Adnani si pensa che ci potrebbe essere una diminuzione degli attentati terroristici ad opera di lupi solitari, anche se non è del tutto chiaro quale sarà la reazione degli islamisti.
L'ISIS ha già fatto sapere che vuole al più presto vendicare l'eliminazione di Adnani e l'allarme terrorismo rimane altissimo in tutto il mondo per paura di pesanti ritorsioni.

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.