Ultime Notizie

Strage di neonati a Baghdad

Almeno undici neonati, nati prematuri e per questo sotto controllo nelle incubatrici, hanno perso la vita in un gravissimo incendio all'ospedale Yarmouk di Baghdad; ancora non sono chiare le cause che hanno dato origine alle fiamme. 



Forse un corto circuito la causa della tragedia
L'ipotesi più accreditata fino ad ora è che l'incendio sia stato originato da un corto circuito ad alcune apparecchiature mediche, forse proprio alle stessa incubatrici in cui stavano dormendo i bimbi. In Iraq incendi dovuti a corto circuito sono molto frequenti e le cause sono molteplici: la guerra, la scarsa manutenzione, la corruzione, i materiali scadenti, il mancato rispetto delle più elementari norme di sicurezza e i sabotaggi. Anche i tanti allacciamenti elettrici abusivi presenti in tutta la capitale irachena sono molto pericolosi e non rispettano nessuna norma di sicurezza; spesso i cavi sono lasciati scoperti e sono fatti con materiale non idoneo e facilmente infiammabile. 
Il fumo e le fiamme hanno presto invaso tutto il reparto di ginecologia, ostetricia e neonatologia e almeno 29 donne con i loro figli nati da pochissimo sono state fatte evacuare e portate in un'altra struttura medica; anche 7 bambini un po' più grandi sono stati trasferiti altrove. Una commissione dovrà stabilire con chiarezza se l'incendio è stato accidentale oppure doloso.


Una giovanissima mamma che ha perso il suo bimbo di pochi giorni nell'incendio tra le lacrime e i singhiozzi urla contro le autorità irachene che permettono la corruzione e la speculazione sulla pelle dei più deboli e indifesi: “La nascita di mio figlio è stata difficile. L’ho lasciato in ospedale e sono andata a cercare del latte in polvere. Poi è accaduto questo, hanno spento l’elettricità e chiuso le porte, siamo stati travolti dal fumo”.
Per le donne irachene vivere la gravidanza e la maternità con gioia e serenità è praticamente impossibile; sono strette come in una morsa tra la lotta al terrorismo internazionale, le angherie dei miliziani islamisti e tutti i problemi di un Paese allo sbando in cui manca tutto, anche i beni e i servizi fondamentali come impianti elettrici funzionanti e a norma. 

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.