Ultime Notizie

Mostra del cinema di Venezia 2016: i 7 look migliori e peggiori visti sul red carpet

Venezia 2016 festeggia la domenica con l'arrivo dell'attesissimo Mel Gibson, regista del film fuori concorso Hacksaw Ridge. La pellicola, apprezzata senza lodi e senza fischi, presenta la storia vera di un militare americano, Desmond Doss, che nella battaglia di Okinawa riuscì a salvare ben 75 vite senza usare le armi. Nel cast, un'altra celebrità attesa, se non altro per curiosità: si tratta della piccola di casa Stallone, la diciottenne Sistine, che incanta il lido alla sua prima apparizione nel mondo del cinema seppur non nuova allo star system, infatti già da qualche anno lavora come modella per set-fotografici ambientati in tutto il mondo. I riflettori, dunque, sono tutti puntati sui personaggi e le pellicole protagoniste della kermesse cinematografica, e tra spacchi hot, smoking patinati e pose da copertina, la laguna svela il lato glamour della celebre Mostra internazionale ormai giunta alla sua 73esima edizione.




Intanto, gli occhi di curiosi, addetti e fotocamere indagano vestiti, accessori, trucco e parrucco, perché si sa, in tali occasioni viene sempre alla luce il meglio e il peggio delle star: gaffe durante le interviste, scivoloni sul red carpet, abiti di grandi firme portati benissimo, attori e ospiti che sembrano aver fatto a pugni con l'armadio (o meglio, con la stylist!), make-up da manuale o fallimenti che rimarranno nella storia, di Instagram e delle fotogallery di Vogue, Elle, Vanity Fair, e così via. 


Prima Pagina on line non poteva esimersi da tutto questo chiocciare e, studiando uno ad uno i look delle ospiti, ha fatto il confronto per stilare la classifica dei migliori e peggiori visti sul tappeto rosso fino ad ora.





1) Naomi Campbell in Atelier Versace VS Liya Kebede in Louis VuittonQuestione di nero: una Venere è sempre tale, non conosce età. Quando poi ad accompagnarla è il suo color naturale, il nero, che prende forma in un vestito classico, da gala, scollato al punto giusto e tremendamente elegante nella sua sobrietà, ogni tentativo di rivisitazione, seppur in chiave molto attuale, non vale il paragone.




2) Dakota Fanning in Miu Miu VS Hofit Golan in Ali KarouiSfida a colpi di glitter: in ogni evento glam che si rispetti non possono mancare i lustrini. La loro capacità di rendere tutto così lezioso contribuisce a dare un'allure magico alla festa e le paillettes si devono vedere! Ecco, se si vede tutto tranne quelle forse l'outfit non è il top per l'occasione.




3) Gemma Arterton in Armani VS Giulia Salemi in Manzini FashionA Venezia 73, nudo non è bello: una regola di bon-ton vecchia più delle nostre nonne dice che per risultare sensuali senza scadere nel volgare è bene non esagerare nello scoprire il corpo. Se si scoprono le gambe è opportuno evitare scollature profonde su schiena, décolleté o pancia, e viceversa. Qualcuno pare aver dimenticato questa finezza e l'ansia di far parlare di sé ad ogni modo avrebbe preso il sopravvento... ma il troppo stroppia, soprattutto in occasioni così speciali ed eleganti.




4) Marina Cicogna VS Ksenia RappoportQuestione di eleganza: Pascal Bruckner dava una definizione molto eloquente di eleganza: il massimo di intensità con il minimo di effetto. Nel primo caso abbiamo tutto, nel secondo, solo il minimo effetto.




5) Naomi Watts in Elie Saab VS Alessia Reato in Ashish StudioPrincipesse si diventa: nel 2016 raramente si nasce principesse, tuttavia ci sono abiti capaci di trasformarti tali in un'istante, ed Elie Saab lo sa bene: basta indossare una delle sue creazioni ed il gioco è fatto. Per altri la strada dello stile è più in salita, ma tentar non nuoce (almeno in questo caso! Brava Reato per la compostezza).





6) Lauren Santo Domingo in Valentino VS Alicia Vikander in Louis VuittonHeidi stava sui monti non in laguna: il folklore piace sempre, soprattutto quando è sagomato in silhouette di alta moda per dar vita ad abiti da mille e una notte, non mille e passa euro per sembrare Heidi 20 anni dopo.




7) Teresa Palmer in Prada VS Loredana Violeta SalantaIl rosa tra le rose: diciamocelo, non c'è donna che non si sia immaginata almeno una volta su un tappeto rosso con un abito da favola, se poi quello fosse rosa con tanto di fiorellini il sogno delle romantiche sarebbe esaudito in ogni come. Purtroppo c'è differenza tra un abito decorato a fiori e una rete con un roseto intrappolato tra i fili... qualcuno non ha colto.


Foto Credits: Getty Images, Instagram

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.