Ultime Notizie

Si riduce la banchisa del Polo Nord

La banchisa del mar glaciale Artico alla fine della stagione estiva ha le stesse dimensioni del 2007.

L'area che circonda il Polo Nord viene costantemente monitorata per osservare il fenomeno dello scioglimento dei ghiacciai che potrebbe avere ripercussioni sull'intero pianeta: il 2016 si è confermato come un anno difficile per la vasta zona coperta da acqua allo stato solido che alla metà di settembre aveva un'estensione di 4,14 milioni di chilometri quadrati, secondo record negativo nell'arco di un quadriennio (il minimo storico è stato registrato nell'estate del 2012 con 3,39 milioni di km²).



Le previsioni sulla situazione dell'Artico erano però ancora più negative rispetto a quanto realmente accaduto: nei mesi scorsi la banchisa era arretrata notevolmente, 800mila, 1 milione di km², valore superiore al periodo compreso tra il 2007 e il 2012; fortunatamente durante la stagione estiva le condizioni climatiche non sono state così sfavorevoli alla distesa di ghiaccio e ciò ha permesso di contenerne la fusione. 
A settembre la zona che circonda il Polo Nord è stata anche sconvolta da un ciclone extratropicale che ha fatto sciogliere il deposito di ghiaccio, lasciando un canale di acque libere soprattutto nell'area prossima alla Siberia e agevolando in questo modo la navigazione.


Il monitoraggio e l'osservazione via satellite della situazione dell'Artico sono utili alla ricerca e permettono di capire meglio il processo di formazione e scioglimento dei ghiacciai. 
Anche il Consiglio nazionale della ricerca partecipa a progetti europei destinati a salvaguardare e i ghiacciai del Polo Nord anche perché secondo alcuni l'Artico potrebbe scomparire entro pochi anni.



Odette Tapella

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.