Dal passato le istruzioni per affrontare il possibile scioglimento dei ghiacciai - Prima Pagina on line

Prima Pagina on line

L'informazione come unico grande bisogno

Post Top Ad

Dal passato le istruzioni per affrontare il possibile scioglimento dei ghiacciai

Share This
La Terra ha già vissuto una deglaciazione e studiare gli effetti che questo fenomeno ebbe sugli ecosistemi può contribuire a prevenirne i fattori scatenanti o mitigarne le conseguenze disastrose. Il Consiglio nazionale delle ricerche, l’Istituto nazionale di oceanografia e di geofisica sperimentale e l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia hanno partecipato al progetto Arca - finanziato dal Ministero dell’istruzione, dell'università e della ricerca - con l'obiettivo di capire gli eventi che hanno provocato i cambiamenti climatici del passato e che potrebbero verificarsi nuovamente in un futuro prossimo a causa del riscaldamento globale. 



Le indagini e gli studi effettuati da questi organismi di ricerca sono servite a ricostruire le fasi della deglaciazione avvenuta 14mila anni fa che modificò sostanzialmente l'equilibrio ambientale del pianeta, causando il susseguirsi di alcuni periodi di freddo intenso: lo scioglimento della calotta glaciale, che fino a quel momento si estendeva su tutto il mare del Nord, provocò l'innalzamento degli oceani e lo spostamento di grandi quantità di materiali di erosione, aumentando così il livello dei mari tropicali e celando sotto 20 metri d'acqua le barriere coralline. Con il progetto Arca è stato possibile scoprire nelle sedimentazioni geologiche del Polo Nord le tracce che testimoniano questi eventi, oltre a ricostruire il processo di scioglimento della calotta polare utilizzando un approccio multidisciplinare che ha richiesto indagini oceanografiche, geofisiche e geologiche. 


Nel corso del progetto sono stati impiegati anche dei metodi di monitoraggio dei ghiacciai in uso regolarmente per controllare la situazione dell'Artico: in particolare le immagini satellitari sono servite a calcolare il tempo necessario a perdere sezioni considerevoli del fronte della calotta polare, mentre i dati sismici hanno permesso di osservare il distacco di iceberg di notevoli dimensioni. 

Odette Tapella

Post Bottom Ad

Pagine